Da Squadra antimafia a Le mani dentro la città: Simona Cavallari a Milano per sfidare la ‘ndrangheta

0 130

Simona Cavallari lascia Squadra Antimafia? E’ questa qui la domanda che circola da un pò di settimane su internet, e stando a rumors sempre più insistenti sembrerebbe più che certa l’uscita di scena del vicequestore Claudia Mares dal cast della fiction diretta da Beniamino Catena. L’attrice romana, però, non rimarrà senza lavoro. Come vi avevamo già detto, infatti, inizieranno a breve le riprese di una nuova fiction dal titolo Le mani dentro la città, serie tv in dodici episodi (6 serate) che avrà il compito di raccontare l’infiltrazione della ‘ndrangheta a Milano.

La serie prodotta dalla Taodue di Pietro Valsecchi, destinata alla prima serata di Canale5, vedrà la Cavallari indossare la divisa di un comandante di polizia di un piccolo commissariato di periferia. Una scelta questa che non è stata facile. La stessa attrice, infatti, al Corriere della Sera ha dichiarato:

“All’inizio avevo forti dubbi. La gente ormai per strada non mi chiama Simona ma Mares. Tornare a fare la poliziotta era rischioso. Poi il punto debole è diventato un punto di forza: la sfida sarà riuscire a farla dimenticare. Sto pensando già dal fisico, dai capelli, dall’abbigliamento a come caratterizzare la mia poliziotta perché sia diversa.”

In ogni caso questa sarà l’ultima volta in cui la vedremo ricoprire un ruolo legato alle forze dell’ordine.

“Con questo ho chiuso il mio ciclo sociale. Piuttosto che fossilizzarmi in un personaggio, mi fermo. Ho tre figli, non ho paura di stare senza far nulla. In futuro, dopo tanto impegno vorrei qualcosa di leggero. Un ruolo spensierato. In Italia purtroppo danno poca possibilità di diversificare. Anche con gli attori: si punta sul sicuro. Ma sarà l’ultima volta che tratto questi temi. Altrimenti, tanto vale arruolarmi in polizia.”

Rispondi