Passioni e desideri | RECENSIONE, RIFLESSIONI, TRAMA, TRAILER

0 192

Passioni e desideri, titolo originale 360 perché, come diceva il poeta Vinicius de Moraes, “La vita è l’arte dell’incontro”. Riflessioni

Passioni e desideri, 360, la vita è un cerchio, una  raccolta di situazioni diverse, di carattere sentimentale e sociale  che,  a volte, si incontrano.

Se devo consigliare un film di una certa profondità pur rimanendo nella sfera di una  brillante commedia sociale , ecco, Passioni e desideri è proprio quello che  ci vuole. Ma, attenzione, visto che  lo definiscono un film ”drammatico romantico”. Beh, nulla di tutto questo perché Passioni e desideri è una  pellicola molto brillante che  attraversa a 360 gradi una vera e propria miriade di socialità. Di passionale c’è il sentimento di ricerca di ogni individuo nello sviscerare la  propria passione.

Che sia poi, la  passione di una  giovane slovena che  sceglie  la strada della  prostituzione d’alto borgo, piuttosto della  reale passione che  fa decidere sua sorella  per una svolta di vita inaspettata ed involontariamente intrecciata con quella di sua sorella, è un dato di fatto. Ma c’è di più in Passioni e desideri, per esempio, la  passione ed il desiderio che spinge un attempato uomo d’affari americano (interpretato magistralmente da Anthony Hopkins) a cercare di ritrovare la figlia scomparsa parecchi anni prima  e mai ritrovata. Forse morta ma che se il destino vuole, come  recita Hopkins nel suo ruolo, se mia figlia è viva e non la vedo, vuol dire che  non mi vuol vedere visto che  sa dover trovarmi e, se è morta, è morta…

Tante sono le storie  che  si intrecciano nel film e tante e di diverso tipo, sono le Passioni ed i desideri che  ne  scaturiscono. Passioni e desideri che  non mancheranno di stupire e di creare , strada facendo, degli intrecci, curiosi intrecci che si formeranno dai vari personaggi delle storie che  si intrecceranno in altrettanto curiose situazioni ma che, grosso modo, andranno tute a buon fine, almeno per quello che  concerne lo spirito dell’essere.

Troverete la ragazza brasiliana delusa dal rapporto col suo ragazzo che altro non è che l’amante della  moglie di un giovane  manager alle prime  armi con i tradimenti che si trova ad incontrare “Blanka”, la  giovane  slovacca che  tenta la fortuna  avviando un’attività di prostituzione  d’alto borgo. Ma troverete anche la sua avventura nel viaggio di ritorno in Brasile dove, la “sorte”, la  mette di fronte ad un uomo  ex detenuto in libertà dopo 6 anni per stupro che, magistralmente non accetta le provocazioni ed ammiccamenti sessuali della giovane  brasiliana, a dire il vero, un po’ ubriaca ma ritroverete anche l’anziano padre in cerca di sua figlia rivolgere frasi d’attenzione paterna verso di lei…

Troverete anche il dubbio amoroso di un giovane  dentista parigino musulmano che  ama segretamente la sua  assistente operatoria, ma che, per dubbi, non sa, visto che  lei è sposata, se dichiararsi o meno visto che i mussulmani non devono corteggiare le donne sposate. Ma lei lo vorrebbe, vorrebbe essere corteggiata e anche  questa, come avrete modo di vedere, è una storia aperta…

Perché, non dimentichiamolo, in Passioni e desideri, ovvero 360,  ” come diceva il poeta Vinicius de Moraes: “La vita è l’arte dell’incontro”…

Insomma un film dalla trama apertissima, tutta in divenire, un film dai possibili sviluppi, un film del regista Fernando Meirelles, davvero interessante da vedere!

Passioni e desideri, un film che consiglio vivamente di vedere perché, non bisogna  mai dimenticare che, come recita il titolo originale: 360, vige il detto: “Un saggio una volta disse: se sei davanti a un bivio imboccalo” anche se poi, a dire il vero, la  frase non è precisamente di un saggio ma del giocatore di baseball Yogi Berra…

Davvero un bel film, un film che non definirei affatto nè romantico, né drammatico, come lo definiscono le recensioni  se mai, una commedia romantica, interpersonale ed introspettiva…

[ad#silvio]

Passioni e desideri, 360 TRAMA:

 Ambientato ai giorni nostri tra Vienna, Londra, Parigi, New York, l’Arizona e Rio de Janeiro. Liberamente tratto da La Ronde di Schnitzler, il film racconta una serie d’incontri d’amore e di sesso. Un’indagine a 360 gradi sulla morale sessuale, e non, delle diverse personalità che appartengono ai più differenti ceti sociali.

USCITA CINEMA: 20/06/2013

GENERE: Drammatico, Romantico

REGIA: Fernando Meirelles

SCENEGGIATURA: Peter Morgan

ATTORI:

Anthony Hopkins, Rachel Weisz, Jude Law, Ben Foster, Moritz Bleibtreu, Jamel Debbouze, Mark Ivanir, Peter Morgan, Tereza Srbova, David Frost

Ruoli ed Interpreti

FOTOGRAFIA: Adriano Goldman

MONTAGGIO: Daniel Rezende

PRODUZIONE: Revolution Films, BBC Films, Dor Film Produktionsgesellschaft

DISTRIBUZIONE: BIM

PAESE: Australia, Brasile, Francia, Gran Bretagna 2011

FORMATO: Colore

Rispondi