Sony, rubati brani M.Jackson. Violati gli archivi

Le canzoni di Michael Jackson  sono state per decenni sempre nelle alte classifiche di vendita e la Sony lo sa. Si può dire che facciano gola anche alla “pirateria” dei files.

La Sony music, una delle case più agguerrite e tenaci a non tollerare la pirateria, spesso è la prima a darle assiduamente la “caccia”. Questa volta gli sventurati hackers possessori di questi 50mila files delle canzoni di Michael Jackson sono stati rintracciati.

Un vasto numero di file del catalogo di Michael Jackson sono stati rubati da hacker che hanno violato gli archivi Sony Music.

Secondo il Sun, oltre ad essere stata rubata l’intera discografia di Jackson, sono state saccheggiate canzoni di altri artisti rappresentati da Sony come Jimi Hendrix, Paul Simon, Olly Murs, i Foo Fighters e Avril Lavigne.

[ad#Silvio]

Sono stati scaricati illegalmente oltre 50 mila brani acquistati nel 2010 dal colosso giapponese dopo la morte di Jackson per 250 mila dollari.

Venerdì, riporta il Guardian, due uomini arrestati in maggio sono comparsi in tribunale a Londra: James Marks, 26 anni, e James McCormick 25, hanno negato le accuse e sono stati rilasciati su cauzione.

Gli “sventurati” saranno processati a Gennaio.

 

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.