Farmaci: una pillola al giorno per ogni italiano

0 115

Secondo un o studio dell’Agenzia del Farmaco, gli italiani consumano almeno una pillola al giorno. Spesa nazionale in ribasso. Cala il consumo di antibiotici, ma si assestano antiulcera ed antidepressivi. Massima spesa in Liguria e Sicilia, minima a Bolzano

Agli italiani piacciono le pillole. Lo dice il Rapporto preliminare 2012 sull’uso dei farmaci in Italia presentato questa mattina a Roma da Luca Pani, direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco. Stando alle statistiche, gli italiani assumono almeno una pillola al giorno e nei primi nove mesi del 2012 hanno consumato 22 confezioni di farmaci pro capite. La spesa sostenuta, in totale, è di 19,2 miliardi, di cui tre quarti rimborsati dal Sistema sanitario nazionale.

I prodotti più prescritti appartengono alla categoria cardiovascolare e le statine; seguono i prodotto gastrointestinali, con gli antiulcera in crescita dell’8,6%, rallentano gli antibiotici, soprattutto dopo la denuncia degli anni passati circa un consumo ed una prescrizione eccessiva di questa tipologia di farmaco,ma si assestano gli antidepressivi come i farmaci più prescritti per la cura del sistema nervoso centrale. Secondo questa fotografia, l’Italia è un Paese in cui non mancano malattie del cuore e dell’apparato digerente, e dove lo stress sembra stringerci in una morsa e costringerci all’uso di antiulcera e antidepressivi. Quantomeno però stiamo imparando a combattere l’influenza solo con la fida tachipirina.

LA regione che consuma di più per la propria salute è la Sicilia, dove si spendono 180 euro a testa per l’acquisto di farmaci, mentre gli abitanti di Bolzano spendono “solo” 97,3 euro. Nella fascia di medicinali a carico del cittadino il primo posto spetta però alla Liguria, mentre l’ultimo è ancora detenuto da Bolzano, che però è prima assieme alla Valle d’Aosta nella spesa per i medicinali di automedicazione. Italiani vittime delle medicine quindi: ciò che ci si deve augurare è che si riesca davvero a comprendere ciò che un medicinale comporta per il fisico e che si riesca a controllare al meglio lo stato sintomatico, prima di procedere all’acquisto delle magiche pillole.

Rispondi