Cantare per non russare o russare meno, uno studio britannico, spiega com,e con utili e mirati vocalizzi, ridurre il fastidioso rumore notturno.

Cantare o Russare?

Dura vita per chi russa e per chi gli dorme vicino.

Difficile addormentarsi quando una specie di trapano ti soffia accanto e, se anche riesci a prender sonno, niente può garantire una dormita ininterrotta. Il rumore a volte è tale che riesce a svegliare il malcapitato che condivide il letto o la stanza con il “realizzatore di suoni”, e a volte è così forte che auto-sveglia anche chi questi suoni li produce e che in ogni caso non gode certo di un riposo sereno.

Rimedi per non russare

Tanti i rimedi proposti a volte poco efficaci, a volte efficaci affatto.

Russare...o ???

Inutile fare rumore, schioccare le dita, chi russa cesserà per un attimo per poi riprendere di nuovo. Cambiare posizione e coricarsi su un fianco può avere una certa utilità, ma non sempre è così risolutivo e poi ci sono cerotti, spray per il naso, per la gola…

A questi si aggiunge ora un nuovo metodo, frutto di una recente ricerca condotta in un ospedale britannico, che si basa su esercizi di canto, effettuati su base regolare e quotidiana. La tecnica, “Singing for Snorers”, cosi’ battezzata dal suo creatore è stata messa a punto da Alise Ojay, direttore di coro.

Un quarto d’ora di vocalizzi al giorno permetterebbero di ridurre ronfamenti e apnea del sonno.

A questa conclusione é giunto lo studio, durato tre mesi e realizzato dal dipartimento di otorinolaringoiatria del Royal Devon and Exeter Hospital, su soggetti che russavano o affetti da apnea ostruttiva del sonno.

Tre mesi di gorgheggii con venti minuti di esercizio al giorno, prediligendo particolari suoni che aiuterebbero a rinforzare i muscoli del palato e della gola, possono dare risultati incredibili. Muscoli della faringe più tonici hanno minor tendenza a rilasciarsi durante il sonno e a evitare la conseguenza del ronfamento.

Un buon metodo non invasivo cui aggiungere piccoli accorgimenti legati a  regole di sana e buona igiene di vita senza fumo, alcool, sedativi, che irritano tessuti, o provocano rilasciamento.

Inutile sperare di evitare il frastuono notturno con una cantatina, ispirata magari da una super bevuta!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.