Villa Certosa, forestale blocca i disboscamenti di Silvio Berlusconi

0 106

Villa Certosa, forestale blocca i disboscamenti di Silvio Berlusconi. Ex premier disboscava 2000 metri di un’area a vincolo idrogeologico!

Villa Certosa, Stop al Disboscamento.

Villa Certosa, la forestale blocca i disboscamenti di Silvio Berlusconi. L’Ex premier disboscava un’area a vincolo idrogeologico. Ma no solo, dell’ex premier sarebbe iniziata senza attendere l’arrivo dei nulla osta. L’intervento, che non era stato autorizzato, riguardava duemila metri di macchia mediterranea.

La forestale  di Olbia in Sardegna è intervenuta per bloccare i lavori che si stavano eseguendo a villa certosa di proprietà di Silvio Berlusconi.  L’entità del danno all’ambiente sarebbe stata alta visto che , intervenendo su dei lavori per cui Silvio Berlusconi, ricordiamolo, non aveva ancora avuto l’autorizzazione, avrebbe causato dei grossi danni idrogeologici.Villa Certosa è situata a due passi da Porto Rotondo.

[ad#Silvio]

Il quotidiano sardo, La nuova Sardegna, ha riportato la notizia dello sbancamento collinare non autorizzato per i lavori di villa Certosa spiegando che le ruspe e alcuni giardinieri nei giorni scorsi hanno dissodato e preparato quei terreni incolti per l’impianto di un nuovo frutteto.

L’area individuata dai tecnici rientra tra quelle sottoposte a vincolo paesaggistico e ambientale. La richiesta di autorizzazione per il disboscamento di circa duemila metri quadrati è stata inviata dalla Idra Immobiliare, ma il nulla osta per i lavori non è stato ancora rilasciato.

I lavori a villa certosa sono stavi avviati comunque, da qui la segnalazione al Corpo di vigilanza ambientale che dopo l’ispezione ha stilato un verbale finito sul tavolo dei dirigenti degli uffici regionali.

I lavori a Villa Certosa che Silvio Berlusconi stava facendo fare, avrebbero causato un grave problema  e danno al Patrimonio Naturalistico dell’Isola. Tutto questo perchè, probabilmente, la creazione di un “frutteto” avrebbe dovuto spianare  un’intera collina. ricordo che l’autorizzazione era stata chiesta ma non era arrivata e forse, dati i vincoli ambientali, dubito sarebbe stata “facilmente” concessa.

Ma forse …sappiamo in Italia come spesso vanno le cose…

Rispondi