Saggi, ecco il loro responso | TUTTE LE PROPOSTE

0 107

Saggi, i 10 Saggi hanno terminato il loro lavoro ed hanno presentato oggi a Napolitano la loro relazione. Elenco ufficiale delle proposte.

I 10 Saggi hanno presentato le  loro proposte in un documento sintetico allegato tutti i principali punti su cui attuare le  modifiche. Spicca subito una grossa novità introdotta e suggerita dai 10 Saggi: Una sola Camera con Potere di indirizzo politico

Saggi e loro responsi: le loro proposte in 7 punti

I 10aggi,nominati da Giorgio Napolitano, sono giunti al termine  del loro lavoro di esame in base al quale, hanno oggi consegnato a giorgio napolitano un documento sviluppato in sette punti che  risultano, per i 10 saggi, essenziali.

Ovviamnete i punti toccano e propongono in merito, i temi più caldi ai quali Napolitano aveva sperato in una giusta risoluzione.

Primo punto all’ordine cdeel giorno della relazione  dei Saggi è, ovviamente la Legge Elettorale che  i Saggi prevedono di poter sviluppare con un “sistema misto”:

Legge elettorale Mista con Premio di Governabilità

“Il nuovo sistema potrebbe prevedere un sistema misto (in parte proporzionale e in parte maggioritario) un alto sbarramento, un ragionevole premio di governabilita”.

Una sola Camera con Potere di indirizzo politico

I Saggi asseriscono che, nella situazione  attuale, per ottenere una sicura governabilità si può ottenere solo con la Camera:

“Nessun sistema elettorale garantisce automaticamente” la maggioranza in entrambi rami del parlamento. “Diverse sarebbero le prospettive della stabilità se si attribuisse l’indirizzo politico a una sola Camera”.

Adeguato finanziamento ai partiti come  punto ineliminabile

“Modificare l’art. 66 della Costituzione in modo da attribuire “ad un giudice indipendente e imparziale” la decisione su legittimità dell’elezione, ineleggibilità e incompatibilità, togliendolo al Parlamento: é quanto propongono i saggi nella loro relazione, sottolineando che ora c’é il rischio “del prevalere di logiche politiche”.

[ad#silvio]

L’emergenza più importante è il Lavoro, servono quindi uno sviluppo equo

“La principale emergenza che ci troviamo oggi ad affrontare” è “quella del lavoro e della conseguente crescita della povertà” e “la via maestra” per combatterlo è lo “sviluppo economico equo e sostenibile”.

Povertà sempre più a rischio sale  di 4 punti ogni anno

“La percentuale delle persone a rischio di povertà o esclusione è salita in Italia è salita di 4 punti in un solo anno: è rimasta stabile intorno al 25% tra il 2005 e il 2010 ed è salita, tra il 2010 e il 2011, al 28,2% “con un aumento di ben 4 anni in un solo anno”.

Serve entro giugno 1 miliardo per Cig in deroga, modificare quindi gli ammortizzatori sociali

“Non può non essere sottolineata l’urgenza di rifinanziare entro il mese di giugno il meccanismo degli ammortizzatori sociali in deroga per il secondo semestre dell’anno 2013 (circa un miliardo di euro)”.

Rispondi