Come calcolare l’IMU 2013 e la scadenza

0 107

A rovinare le tanto agognate vacanze estive c’è l’IMU, un imposta del sistema tributario italiano. Entro il 17 Giugno bisognerà versare l’acconto dell’IMU, che può essere calcolato con le aliquote stabilite dai Comuni nel 2012.

Ricordiamo chi non dovrà pagare la prima rata:

  1. Tutti coloro che vivono in un’abitazione principale ad esclusione di abitazioni signorili, ville e castelli.
  2. Unità immobiliare delle cooperative a proprietà indivisa, destinata ad abitazioni principali e alloggi IACP
  3. Terreni agricoli e fabbricati rurali strumentali come ad esempio fonte e sito MEF.

Come calcolare l’IMU 2013

Innanzitutto bisogna ricordare che i Comuni possono variare le aliquote, e quindi per calcolare l’acconto utilizzeremo le aliquote dell’anno scorso. Per calcolare l’acconto da pagare bisogna procedere nel seguente modo:

  1.  Rivalutare la rendita catastale del 5%
  2. Una volta rivalutata la rendita bisogna moltiplicarla per i seguenti coefficienti fissi: 160 per abitazione, box, magazzini e tettoie, 140 per scuole, uffici pubblici, laboratori artigianali, caserme, palestre e stabilimenti balneari, 130 per terreni agricoli( ad esclusione di quelli dei comuni montani), 110 per terreni di coltivatori diretti e imprenditori professionali a condizione che siano iscritti nella provvidenza agricola, 80 per banche e assicurazioni, 65 per immobili produttivi e 55 per negozi e botteghe
  3. Fatto ciò, moltiplicare l’importo ottenuto per le aliquote fissate dal comune
  4. Dividere l’importo ottenuto per due(dato che sono due rate)

Ricapitolando, come calcolare l’IMU:IMU= (rendita catastale rivalutata del 5% *coefficiente fisso* per le aliquote fissate dal proprio comune)/2

Infine, ricordiamo le modalità di pagamento:

Ci sono vari modi per pagare l’IMU, infatti può essere utilizzato il modello F24 o in alternativa l’apposito bollettino postale. Le poste italiane sono ben attrezzate per il pagamento dell’IMU, sul seguente sito http://www.poste.it/ è possibile attivare il servizio che permette la compilazione del modello F24 da stampare in triplice copia e consegnare agli sportelli in modo da effettuare velocemente il versamento. Inoltre, i clienti registrati sul sito delle poste potranno pagare online con la carta di credito, i clienti che possiedono un BancoPostaOnline oppure un BancoPosta Click possono pagare con addebito in conto corrente. Per quanto riguarda le banche, queste, generalmente, prevedono il pagamento telematico del modello F24.

Rispondi