“Articolo 18? E’ pernicioso”. “Posto fisso? E’ monotono”

0 91

Monti: i giovani si abituino ad accettare le sfide. Oggi l’incontro tra Fornero ed i Sindacati

Mario Monti ieri sera ha parlato dell’articolo 18 e di occupazione giovani nelle sue apparizioni televisive,prima al Tg5 e poi a Matrix, nelle quali si è rivolto direttamente ai cittadini per annunciare l’intenzione di mettere mano alla politica del lavoro, anche a costo di dover intervenire sulle regole di licenziamento.

Riguardo all’Articolo 18 ha fatto dichiarazioni che saranno sicuramente, fonte di discussione e di forti contrasti:

Articolo 18: ”Un terribile apartheid nel mercato del lavoro tra chi è già dentro e chi, giovane, fa fatica ad entrare”.

I giovani però devono ”abituarsi all’idea di non avere più il posto fisso a vita. Che monotonia. E’ bello cambiare e accettare delle sfide”

”Non e’ un tabù. L’articolo 18 può essere pernicioso per lo sviluppo dell’Italia”.

Sempre all’interno delle due trasmissioni televisive, prima al Tg5 e poi a Matrix, Mario Monti si è rivolto direttamente ai cittadini per annunciare l’intenzione di mettere mano alla politica del lavoro, anche a costo di dover intervenire sulle regole di licenziamento.

[ad#Silvio]

L’articolo 18 per il premier è:

“Un terribile apartheid nel mercato del lavoro tra chi è già dentro e chi, giovane, fa fatica ad entrare”.

I giovani però devono ”abituarsi all’idea di non avere più il posto fisso a vita: che monotonia. E’ bello cambiare e accettare delle sfide”.

Per Monti alcune eredità del passato, infatti, rischiano di imbrigliare l’Italia, penalizzando proprio i giovani. Per creare spazio occorre però spingere ancora sulle liberalizzazioni perché:

”Se prevarranno le resistenze corporative, gli italiani devono sapere che i tassi di interesse non solo non scendono ma ritorneranno verso l’alto”.

Riguardo allo spread ed al suo ennesimo calo Monti ha dichiarato:

”Deve scendere ancora e scenderà, E’ una variabile che ha polarizzato anche troppo l’attenzione” ma ”ormai ha una tendenza decrescente”.

”L’Italia dispone di capitale pubblico ma dispone di grande capitale umano che non sempre e’ stato valorizzato”. L’idea e’ sempre quella di aprire il mercato del lavoro e insistere sulle liberalizzazioni.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.