Strage di Denver: la maggior parte delle vittime erano Ventenni

0 54

Alla prima di Batman molti sono stati i morti e i feriti. Qui le informazioni che riguardano le vittime, quasi tutte Ventenni.

Le vittime della strage di Denver sono state identificate. La maggior parte erano Ventenni. Ecco alcune informazioni su di loro, alcune informazioni su quello che facevano e che avrebbero voluto fare se la mano di un malato di mente non li avesse uccisi.

  • Veronica Moser-Sullivan, 6 anni. La più piccola tra le vittime (nella foto qui a destra). Sua madre, Ashley Moser, una donna di 25 anni che era con lei alla proiezione del film dove è rimasta ferita al collo e all’addome, chiedeva di sua figlia Veronica in ospedale, ma nessuno ha avuto il coraggio di dirle che era morta.
  • Gordon W. Cowden, 51 anni. Il più vecchio tra le vittime. Era un piccolo imprenditore, che aveva due figli.
  • Matt McQuinn, 27 anni. Si era trasferito nell’Ohio con la sua ragazza, Samantha Yowler, un anno fa. E’ morto facendo da scudo alla sua ragazza e al fratello di lei per proteggerli dai colpi sparati da James Holmes. Il fratello è rimasto illeso, mentre la ragazza ha riportato una ferita al ginocchio, ma si è salvata.
  • Alex Sullivan, 27 anni. Era il suo compleanno e stava festeggiando con gli amici alla prima di Batman. Due giorni dopo, domenica, avrebbe dovuto festeggiare il suo primo anniversario di matrimonio.
  • John Larimer, 27 anni. Esperto di crittografia, era alla prima di Batman con Jesse Childress (di cui vi sono informazioni di seguito). La Marina militare ha avvertito la sua famiglia del decesso. Ora si sta preparando il ritorno della salma a casa a Crystal Lake, nell’Illinois.
  • Jesse Childress, 29 anni. Sergente, Operatore di sistemi informatici dell’aviazione. Era con John Larimer alla proiezione di Batman.
  • Jonatan T. Blunk, 26 anni. Lavorava in un negozio di ferramenta e aveva servito per 5 anni nella Marina militare.
  • Jessica Ghawi, 24 anni. Blogger, conosciuta anche come Jessica Redfield. Voleva fare la giornalista sportiva e da un anno si era trasferita in Colorado dal Texas. Come si legge sul suo blog, il 2 giugno era scampata ad un’altra sparatoria, a Toronto. Il fratello, sul suo blog, racconta come la sorella abbia perso la vita, secondo quanto detto da un testimone: la ragazza è stata ferita a una gamba e ha cercato riparo, poi è stata colpita alla testa.
  • Alexander J. Boik, 18 anni. Matricola al Rocky Mountain College of Art and Design. Voleva diventare un insegnante di arte.
  • Alexander C. Teves, 24 anni. Si era laureato in Psicologia all’università di Denver. Era di Phoenix.
  • Micayla Medek, 23 anni. Era una studentessa all’Aurora Community College.
  • Rebecca Ann Wingo, 32 anni. Era una rappresentante di una società che opera nel campo della medicina, addetta alle relazioni con i clienti.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.