Reggiseno al gel contro il caldo in Giappone | FOTO

0 98

Reggiseno al gel contro il caldo in Giappone. E’ quasi un acquario in miniatura ed è stato presentato a Tokyo da Triumph. Foto

Reggiseno al gel contro il caldo

Reggiseno al gel contro il caldo in Giappone. E’ quasi un acquario in miniatura presentato a Tokyo da Triumph. Proprio così pare che il Reggiseno al gel contro il caldo, non sia una bnufala ma una vera e propria innovazione presentata addirittura dal colosso delle lingerie, Triumph, col nome di Super Cool Bra.

Il segreto del Reggiseno al gel contro il caldo sia l’innovativo concetto rinfrescante, così la Triumph lo ha definito, ha un gel all’interno delle coppe disegnate come acquari trasparenti e progettate per trattenere il calore del corpo. Una soluzione, in altri termini, che rappresenta uno speciale contributo pensato per aiutare a fronteggiare l’ipotesi di carenza di elettricità estiva a seguito del fermo di tutti i 50 reattori nucleari dopo la crisi della centrale di Fukushima!

Così lo ha definito il Reggiseno al gel contro il caldo, una nota Testata giornalistica.

La Triumph in merito al Reggiseno al gel contro il caldo ribadisce che:

Chi lo indossa ha una sensazione di fresco sulla pelle.

[ad#Silvio]

Per moltiplicare l’effetto freschezza, anche sotto il profilo psicologico, sono state aggiunte decorazioni con foglie di menta e una piccola campana tradizionale di vetro simile a quelle che suonano in prossimità delle case nipponiche in piena estate.

E non è tutto … abbinate al Reggiseno al gel contro il caldo ci sono anche due minigonne: una in bambù, tipo nascondiglio, e un’altra che ricorda una zanzariera.

Una bella fantasia vero?

Per chi avesse pensato di … comprarselo in previsione del forte caldo e per poter essere anche trendy, purtroppo devo dire che, il Reggiseno al gel contro il caldo, nessuno dei capi, sia Reggiseno al gel che gonnellina, è destinato al mercato, la mission ha dichiarato la Triumph era: l’unico scopo, oltre che pubblicitario, è rimarcare il bisogno di essere fantasiosi per ridurre al minimo i consumi di energia elettrica per scongiurare il serio rischio di blackout.

Rispondi