In Francia spiagge senza tabacco

0 90

Lotta dura contro il fumo: da un nuovo aumento del prezzo delle sigarette a progetti di spazi pubblici all’aperto “disintossicati”,  compresa la spiaggia senza tabacco.

la spiaggia senza tabacco

 Spiaggia senza tabacco, novità dell’estate?

Mobilizzazione generale contro il tabacco, lotta contro il fumo e i fumatori che s’intensifica in Francia. Questo il piano della Ministro della Salute, francese, Marisol Touraine, che oltre all’aumento del costo del fumo, 20 centesimi in media sulle sigarette, 40 sui pacchetti di tabacco da metà luglio (dopo un aumento di 40 centesimo a fine 2012) progetta di incrementare ancor più i luoghi pubblici in cui sia proibito fumare. Non solo luoghi chiusi, ma anche aperti, e allora: davanti alla scuola, nel parco( tutti spazi frequentati da bambini) e, perché no, anche sulle spiaggia. “È normale – chiede la ministro – che madri, padri, tate, fumino in un parco pubblico dove giocano i bambini?”

Madame Touraine vorrebbe che fossero le città con i loro sindaci, le amministrazioni comunali a portare avanti questa campagna di “spazi aperti senza tabacco”. Spazi “puliti” da creare in parchi, davanti le scuole, nei campus universitari, nelle spiagge.

Non dimentichiamoci – ricorda la ministro- che il tabacco uccide 73.000 persone all’anno, i danni del fumo passivo di cui spesso sono vittime i bambini e delle conseguenze del fumo sulle donne incinte.

Nessuna vera grande novità nel discorso di Marisol Touraine, compreso l’invito a spiagge “pulite”, dove non si trovino gli odiosi mozziconi di sigarette, frutto dell’inciviltà e si possa respirare aria di mare iodata e non affumicata.

Non c’era bisogno che lei lo dicesse, o almeno, meglio precisare, che lei lo dica non è uno scoop, può essere magari un incoraggiamento a proseguire su questa strada che comunque alcuni comuni e località balneari hanno già intrapreso da oltre due anni.

mozzicni sulla spiaggia...non tutte senza tabacco

Label – Spiaggia senza tabacco

La città di Nizza dallo scorso anno si è attivata in tal senso ed è riuscita a conseguire per una delle sue spiagge della Promenade des Anglais, la Plage du centenaire, il label “ Spiaggia senza tabacco ”, ottenuto anche da un’altra spiazza nizzarda, quella di Lenval.

“ Spiaggia senza Tabacco “ un riconoscimento che è rilasciato dalla LNCC, la Lega nazionale contro il cancro, è stato ottenuto da quattro altre cittadine; due delle quali in Costa Azzurra : Cannes e Menton.

Il numero delle spiagge senza tabacco con o senza label è comunque più ampio: se ne trovano a nord come a St Malo e anche vicino a Marsiglia, a La Ciotat, prima stazione balneare a offrire una spiaggia senza tabacco,  a proibire nel 2011 la sigaretta, dove l’esperimento fu subito molto ben accolto. L’iniziativa è un segnale forte per dire che “alla spiaggia si fa il bagno, si fa sport, si gioca, si costruiscono castelli di sabbia…e si può fare a meno di fumare per qualche ora…

Sicuramente un’attrattiva per chi cerca un momento di rilassamento lontano da gas tossici…basta però che la spiaggia non sia troppo vicina alla strada e ai gas di scarico delle auto.

In ogni caso  un’iniziativa lodevole che porterà ad avere qualche spiaggia,( perché non illudiamoci, il numero delle spiagge senza tabacco sono complessivamente spazi ben limitati) un po’ più pulita…

Chissà che questi esperimenti non varchino la frontiera, invadano la Liguria e le altre regioni italiane e non si finisca per trovare anche in Italia qualche  spiaggia senza tabacco…ma sarebbe già bello trovarla senza mozziconi!

Rispondi