Chi era Piermario Morosini?

1 49

Chi era Piermario Morosini? La storia di Piermario Morosini, giocatore del Livorno Morto il 14 Aprile durante una Partita. Informazioni.

Piermario Morosini, la propria vita al Calcio.

Una triste notizia mette fine alla Vita di Piermario Morosini: Piermario Morosini è morto a Causa di un arresto Cardiaco Sabato 14 Aprile 2012.

Chi Era Piermario Morosini?

Piermario Morosini (Bergamo, 5 luglio 1986 – Pescara, 14 aprile 2012) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera

Club

Cresciuto nelle giovanili dell’Atalanta dove nei 10 anni di militanza riesce a vincere uno scudetto allievi, passa nel 2005, in comproprietà all’Udinesedove a 19 anni gioca la prima stagione da professionista dividendosi tra primavera e prima squadra stagione 2005-2006 collezionando 5 presenze inSerie A (esordio 23-10-05 Udinese-Inter), 3 in coppa Italia e 1 in Coppa UEFA, l’ottavo di finale Levski-Sofia-Udinese. Per maturare la necessaria esperienza, nella stagione 2006-2007 passa al Bologna, in Serie B, dove riesce a scendere in campo in 16 occasioni.

Nel luglio 2007, riscattato dall’Udinese passa al Vicenza, in Serie B dove con la squadra veneta conquista la salvezza contribuendo con 34 presenze ed 1 gol. A fine annata il Vicenza ne riscatta la metà del cartellino, e si conferma, con altre 32 presenze, uno dei punti di forza della formazione berica.

Nell’estate del 2009 l’Udinese riscatta la meta per una somma pari a circa 1 milione e 500 000 euro. Il 31 agosto 2009 passa in prestito alla Reggina. Il 1º febbraio 2010 passa con la formula del prestito con diritto di riscatto della comproprietà al Padova. Il 6 febbraio debutta con i biancoscudati nella partita Piacenza-Padova 1-0. Il 23 giugno 2010 il Padova comunica di non aver escercitato il diritto di opzione sul cartellino di Morosini.

Nel gennaio del 2011 passa in prestito al Vicenza.

Il 31 gennaio 2012 passa al Livorno. Il 14 aprile dello stesso anno durante il primo tempo del match contro il Pescara accusa un malore improvviso in campo per un attacco cardiaco Portato in ospedale a Pescara, dopo essere entrato in coma farmacologico, il giocatore muore verso le 17. Dalle prime indagini risulta che l’ambulanza che doveva entrare sul terreno di gioco, ritarda l’ingresso in campo a causa di un auto che ostruiva il passaggio.

Rispondi