World War Z | RECENSIONE, RIFLESSIONI, TRAMA, TRAILER

0 136

Word War Z tratto dal libro di Max Brooks: World War Z un film pieno di azione con un Brad Pitt assolutamente protagonista nei 2 tempi.

Word War Z un richiamo ad un mondo di esseri contaminati come in: I Am Legend

Word War Z è un film cucito addosso a Brad Pitt, un film molto avvincente e carico di effetti speciali ma  che, nonostante sia  tratto dal romanzo di Max Brooks: World War Z, tende a raccogliersi sulla ricerca disperata di Gerry Lane, ( magistralmente interpretato da Brad Pitt) verso la  soluzione, verso l’antidoto che  libererà i “sopravvissuti” dal pericolo di contagio.

E, difatti  la soluzione viene, alla fine, trovata dall’avventuroso Gerry che, scaraventato con aerei, elicotteri ed ancora terribili e catastrofici atterraggi dell’aereo sul quale vola insieme  ad una  collaboratrice  incontrata durante la  missione, riesce coraggiosamente a trovare questo antidoto. Quasi “a caso” visto che Gerry non è un dottore, si inietta una  dose e, quasi per miracolo,  risulta praticamente invisibile alla miriade di “mostri” umani, dalle urla  strazianti, assetati solo di voglia di uccidere con le  loro “fauci”.

Ma tuto questo è il frutto di mille avventurose e pericolosissime  avventure di Gerry, per tutto il Mondo, alla ricerca di una  possibile soluzione.

Devo dire subito che World War Z ricorda moltissimo un film di qualche  anno fa, anzi un bellissimo film: I Am Legend interpretato da uno splendido Will Smith ed anch’esso tratto dall’omonimo romanzo di Richard Matheson.

Il ricordo è più che  spontaneo per la sceneggiatura che  mostra questa miriade di esseri  ormai lontani dall’umanità, diventati animali urlanti ed assetati di un’inspiegabile odio verso tutti quelli che non sono stati contagiati come  loro.

Qui , però, c’è una  maggior ricerca del fenomeno “epocale”, del fenomeno di “massa” di questi esseri mutati. Vedrete, spesso, quasi un mare di esseri, a volte confusi ma paradossalmente decisi, oltre ogni umano mezzo, a scalare  muraglie, a creare quasi una vera e propria corrente di migliaia di mostri, pur di aggredire chi ancora è “normale”.

World War Z è un film dalla grande azione ma, per nulla, come  viene definito, un horror. Se di horror, si può parlare esso riguarda, al massimo, l’aspetto di questi esseri mutati, di questi zombie con pupille dilatate denti in vista e rauche  ed ossessive grida. Ma, tutto questo, a mio avviso, può essere considerato solo una fase iniziale, nel divenire, del genere horror. Poco sangue, nonostante la  crudeltà della vicenda rendono questo film forse ancora più interessante e concentrano lo spettatore verso la recitazione di Brad Pitt che sfora letteralmente lo schermo.

Unico neo di tutti questi film che sfociano in mutazioni degli esseri umani è, a mio avviso, il fatto che questi abnormi esseri siano quasi sempre privi di intelletto. Quasi un’assurdità che li rende si zombie molto animali e ben adatti a “forare lo schermo” ma, parimenti, li rende quasi idioti e totalmente privi di ragionamenti. Penso che, se si ottenessero degli zombie anche capaci di ragionamenti le trame sarebbero, forse, più avvincenti e le  sceneggiature si colorerebbero di molteplici altri aspetti.

Ma, invece, il risultato, specie vedendo molte scene di World War Z, è quello di assistere ad un comportamento quasi da formicaio imbizzarrito (vedi le riprese dall’alto degli esseri che  formano piramidi per scalare le mura, ma, il tutto, sembra fatto quasi senza cognizione  di causa e solo come il frutto di un imponente assembramento).

World War Z si può considerare realmente una  pellicola in due tempi: il primo esplicativo del fenomeno, una  parte interessante che  traccia le  basi della storia di Gerry, di sua moglie e di sua  figlia, coinvolti in questa umana vicenda. Una famiglia che  non si priverà mai del contatto telefonico mediante  un onnipresente telefono satellitare di Gerry (cosa forse un po’ eccessiva visto le  situazioni che si verificheranno, durante tutto il restante secondo tempo di pura azione).

Nel complesso, comunque, un ottimo ed avvincente film che  cattura l’attenzione per l’intera durata della pellicola senza concedere mai attimi di tregua.

[ad#silvio]

World War Z ,TRAMA:

La storia segue Gerry Lane, un impiegato delle Nazioni Unite, che gira il mondo in una corsa contro il tempo per fermare una epidemia che rovescia eserciti e governi e che minaccia di decimare la popolazione mondiale.

USCITA CINEMA: 27/06/2013

GENERE: Azione, Horror

REGIA: Marc Forster

SCENEGGIATURA: J. Michael Straczynski, Matthew Michael Carnahan

ATTORI:

Brad Pitt, Mireille Enos, Eric West, Matthew Fox, James Badge Dale, David Morse, Elyes Gabel, Michiel Huisman, David Andrews, Trevor White, Sterling Jerins, Daniel Newman, Nikola Djuricko, Pierfrancesco Favino

Ruoli ed Interpreti 

FOTOGRAFIA: Robert Richardson

MONTAGGIO: Matt Chesse

MUSICHE: Marco Beltrami

PRODUZIONE: Plan B Entertainment, Apparatus Productions, Paramount Pictures, Skydance Productions, UTV Motion Pictures

DISTRIBUZIONE: Universal Pictures

PAESE: USA 2013

DURATA: 116 Min

FORMATO: Colore

SOGGETTO:

Dal romanzo omonimo di Max Brooks

Rispondi