TV: Nuova Programmazione Televisiva

1 192

Mai come quest’anno il day-time della nuova stagione televisiva delle reti generaliste si rifà il…. look. Molti programmi televisivi, infatti, ritorneranno in onda con scenografie completamente ridisegnate e con degli studi nuovi di zecca. Ad aprire le danze sarà L’eredità di Carlo Conti, che da questo pomeriggio alle 18.50 torna a far compagnia al pubblico di Rai 1 con uno studio modernissimo ma, garantiscono in Rai, nel rispetto della tradizione: il classico spazio di gioco rotondo troverà una nuova dimensione, un “hi-tech” dove però si ritroveranno le atmosfere calde e cordiali care al pubblico di Rai1.

Si continua poi con La vita in diretta, il contenitore pomeridiano di Rai 1 che aprirà i battenti domani pomeriggio. Mara Venier e Marco Liorni potranno contare per la prossima stagione televisiva su una nuova scenografia che, a detta di chi ha già visto il nuovo impianto, sarà completamente rinnovata.

 

Nuovo look anche per Verissimo, il contenitore del sabato pomeriggio di Canale 5. La novità più interessante dello studio sembra essere l’ ingresso della conduttrice Silvia Toffanin, che non scenderà più la scala che avevamo visto nella passata stagione. Il nuovo ‘ingresso’ in studio sarà più d’impatto rispetto agli anni scorsi.

Scenografia quasi uguale a quella precedente, ma trasloco di studio, invece, per la coppia Federica Panicucci e Paolo Del Debbio, in onda con Mattino 5 già da una settimana. Il programma sotto testata Videonews, infatti, è in onda dallo studio 10 di Cologno Monzese e non più dal numero 6.

Cambiamenti, poi, anche per La7, in particolar modo per Benedetta Parodi, in onda dal 10 settembre alle 18.25. Grande novità di quest’edizione è la presenza in studio del pubblico che assisterà per la prima volta alla preparazione di tutti i piatti. Dalla cucina di Benedetta si passerà poi alla comicità di Geppi Cucciari. Anche G’day , il programma satirico condotto dalla comica sarda, riaprirà i battenti con un aspetto e un orario nuovo.

Articolo a Cura di: Andrea Roccoli.

Rispondi