Solieri scaricato da Vasco su Facebook | Video

13 208

Solieri è stato scaricato da Vasco su Facebook in un lunghissimo sfogo. Vasco gli recrimina parecchie cose. Video: Solieri, Braido, Burns

Solieri scaricato da Vasco

Solieri è stato scaricato da Vasco su Facebook in un lunghissimo sfogo in cui Vasco gli recrimina parecchie cose … io che vi scrivo suono la chitarra da 40 anni… e in tutta sincerità , pur ammirando moltissimo Stef Burns, per il suo modo di suonare, come pure il precisissimo, forse il chitarrista più preciso che Vasco abbia avuto, Andrea Braido, non mi sento affatto in sintonia con quello che dice Vasco Rossi su Maurizio Solieri. Va bene, Vasco insiste sul fatto che, dagli anni ’80 bisogna progredire e studiare molto, cercando di evolvere il proprio modo di suonare, cosa che, secondo lui, Solieri non ha mai fatto. Allora caro Vasco, ti potrei dire che, quello che ti ha reso famoso, amato, seguito, acclamato, dai tuoi fans era proprio quello che dicevi nelle tue canzoni … si siamo solo noi quelli a cui piace, anche la spontaneità, l’improvvisazione, che , secondo me, non dovrebbero mai mancare in un chitarrista. Maurizio Solieri ha grinta, attacco, improvvisazione anche se è, devo ammetterlo, meno tecnico e preciso di Stef Burns, forse però è più sanguigno ma  caro Vasco, si, tu eri il re della scena ma Maurizio Solieri, ti disegnava i paesaggi, freschi e magari molto improvvisati ma sanguigni, della scena sulla quale tu ti muovevi.

Hai fatto sempre bene Vasco a pensare che Solieri avesse i suoi fans perché ci sono, senza nulla togliere a te Blasco, grande artefice del successo delle tue canzoni.

[ad#Silvio]

Ed ora ecco la lunga lettera scritta da Vasco sulla sua pagina di Facebook a Maurizio Solieri:

Caro Solieri, ci conosciamo dal 77 quando, vestito con una giacca scozzese da impiegato bancario, e gli occhiali da vista neri, ti incontrai per la prima volta insieme a Sergio Silvestri.. carissimo amico che era stato in collegio con me, aveva suonato la chitarra con me, era stato due anni a Londra e  aveva assimilato lo spirito inglese della musica, oltre che imparato l’inglese.

Quando mi chiese di venire a lavorare a Punto radio per tradurre i testi delle canzoni non ebbi dubbi e lo assunsi subito. Tra l’altro era il migliore tra noi “puntautori”. Le sue musiche erano già rock inglese. Nei testi mancava un pò forse del tutto non so. So solo che comunque la musica della” Strega” è sua! E con il mio testo è stata la prima canzone veramente originale e rock che ho realizzato

Tu eri amico di Sergio, mi ricordo il primo incontro sui binari del treno…e assunsi anche te perché conoscevi molto la musica americana e inglese ed eri una specie di esperto che a punto radio poteva dare molto.

Poi ti sentii suonare la chitarra una sera al bar e rimasi stupefatto. Suonavi esattamente come oggi. Ed è questo il punto caro Solieri. Da quando abbiamo cominciato nel 78  non sei cambiato di una virgola. Non sei cresciuto…non ti sei evoluto … non ti sei mai perfezionato e sei rimasto nel tuo mondo di assoli molto spettacolari ma poco precisi…e negli anni novanta sono arrivati quelli che non sbagliavano una nota…quelli come Stef. Dovevi essere tu Stef secondo me. Ma tu non lo ammettevi neanche. Ricordi le litigate per gli assoli da dividere e che la dura e spietata legge del rock non ammette ed è molto chiara. Chi suona meglio sta sul palco chi non tiene il passo e rimane indietro va a casa.. e non sono io che lo decido. E’ la storia!..e benvenuto nello spietato e violento mondo del rock!

Poi sei sempre stato un fuoriclasse ma non sei diventato un professionista. Tu suoni solo come vuoi o puoi tu. Infatti non hai mai suonato con nessuno altro. Solo con me. E a un certo punto dopo aver scherzato giocato fatto cazzate di tutti i tipi o diventi un professionista o vai a casa. E io sono diventato un professionista. E ho imparato studiato cercando di migliorare ..ti ricordi come cantavo nell’ 83…con te che suonavi a un volume altissimo, la batteria di Casini nei capelli. Ho dovuto imparare a cantare senza sentirmi. Oggi se mi sento troppo non mi trovo a mio agio. 

Dici che ultimamente sembra sia incazzato con il mondo?..forse non sto bene? Ma vai a farti fottere anche te insieme a tutti gli altri..Io incazzato lo sono stato sempre! Col mondo, con me e anche con te!..E non sono mai stato bene. Io sto male! Mi meraviglio che non tu l’abbia mai capito. Ma tu ascoltavi solo la tua chitarra e anche oggi in ogni intervista dimentichi che hai potuto esprimere il tuo talento solo grazie a me. Altrimenti dimmi con che gruppo avresti suonato.? È ora che vi ricordiate ragazzi che io ho cominciato a scrivere le canzoni. Io ho cominciato ad andare davanti alla gente con la mia faccia e il mio nome. Io ho cominciato a cantarle e voi  eravate degli orchestrali e le vostre prime timide musiche che io vi ho consigliato di fare sulle quali io ho scritto le parole le ho fatte diventare vere le ho interpretate e le ho cantate le avete cominciate a scrivere molti anni dopo e comunque ho sempre fatto tutto io. Perché volevo che la musica di Vasco Rossi fosse varia . Eravate tutti sostituibili anche se per me eravate i migliori. L’unico insostituibile ero io. Questa è la realtà caro Solieri. Potevo prendere anche Riky Portera Ti ricordi? Era lui il chitarrista rock per eccellenza a quei tempi. Ti dirò di più da dieci anni, da quando è morto Massimo, io e Guido ogni volta che dobbiamo organizzare un tour e scegliere i musicisti ci dicevamo . ma Solieri. Lo lasciamo a casa? A noi serve un chitarrista ritmico non un altro solista rimasto negli anni ottanta. Poi alla fine per affetto per la storia per i fans decidevamo ogni anno di prenderti.

Questa è la verità caro Solieri. Io ti voglio molto bene. Però te l’ho detto. Se quando fai un’intervista sulla musica di Vasco Rossi sul suo mondo che poi è  il tuo, riesci a non nominarmi mai, non cominci col dire che ringrazi il giorno che mi hai incontrato io che sono molto stanco della tua arroganza e della tua io ti restituisco tutto con questo mio documento che firmo e che pubblico. 

Dici che lavori ancora per me ma i nostri rapporti sono solo professionali?

Ma è sempre stato così.  Perché lo dici oggi come fosse strano?

Non ci siamo mai frequentati al di fuori del palco. Mai sentiti per mesi forse incontrati in qualche locale ubriachi, ma mai visti per anni…solo durante i concerti, sul palco, diventiamo fratelli compagni complici più che amici un gruppo rock che suona e fa della musica. 

Abbi cura di te 

Vasco 

Ed ora, lascio a voi giudicare, se un giudizio di una preferenza ci possa essere, chi potrebbe realmente essere il più bravo …

Per me … C’è chi dice no, ognuno ha la sua bravura ed il suo stile

Silvio Arancio

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=45VTUYkwIXM[/youtube]

13 Commenti
  1. Elinor Sturgell dice

    La sfida è tra:

    Maurizio Solieri
    Dimebag Darrell
    Jeff Back
    K.K. Downing
    Randy Rhoads
    Paul Gilbert
    Zakk Wylde
    Slash
    Dave Navarro

    da uno a tre voti

  2. Harriett Legler dice

    Questa domanda è rivolta ai chitarristi (quindi risposta “analitica”) e agli appassionati di chitarra (quindi risposta “emozionale”).

    Vi propongo una serie di chitarristi elettrici italiani.

    Vorrei che mi deste il vostro giudizio su ognuno di loro, a prescinde dal tipo di musica da loro suonata.
    Infatti qui si parla solo di tecnica e di capacità di suonare lo strumento e quindi se possibile cercate di evitare commenti sul genere di musica suonata, perché non ha importanza ai fini della risposta. Chiaramente se qualcuno di loro non è conosciuto non pigliatelo in considerazione.

    Grazie a coloro che interverranno

    1. Maurizio Solieri (Vasco Rossi)
    2. Andrea Braido (Vasco Rossi e altri)
    3. Dodi Battaglia (Pooh)
    4. Alex Britti
    5. Ricky Portera (Stadio e altri)
    6. Franco Mussida (PFM)
    7. Rodolfo Maltese (Banco)

    (Nota: l’ordine è casuale)
    @ The Black Crowes (Rockstar)

    Hai perfettamente ragione ne mancano…ma i chitarristi che ho citato sono stati presi volutamente con certe caratteristiche per cercare di stimolare la discussione. Non era ASSOLUTAMENTE una graduatoria dei più bravi…ho commesso un errore puramente grafico, è cioè quello di numerarli, il che fa sembrare il tutto come un sorta di classifica.

    1. Silvio Arancio dice

      Ciao Harriet. bella domanda la tua 🙂
      allora non in ordine perchè, secondo me, non c’è uno più bravo di un altro …ovviamente a questi livelli.
      Dodi Battaglia, ho avuto modo di sentirlo al di fuori di quello che suona con i Pooh e devo dire che è molto bravo e tecnico 🙂
      Ricky Portera, storico chitarrista di Lucio Dalla è un altro chitarrista sanguigno, molto bravo 🙂
      Franco Mussida, grande mente chitarristica della PFM e grande fautore della scuola per chitarra ….molto bravo e molto tecnico 🙂
      Alex Britti, ecco un altro capace di farti venire i brividi da come ti prende quando suona … stupendamente bravo 🙂
      Rodolfo Maltese grande chitarrista progressive, uno scoritore di sonorità grande anche se, per le sue esperienze musicali è diverso dai precedenti… grande lavoro di contrappunto 🙂
      Degli altri tre, mi sono già espresso. Il più tecnico dei tre in questione citati nell’articolo è senza dubbio Braido. Il più sanguigno, Solieri e … quello che raccoglie e mixa le doti dei due sopra citati, interpretando il tutto a suo modo è Burns, sperimentatore di nuove sonorità pur adoperando una Fender Stratocaster, con una sua configurazione particolare per l’humb del ponte… segno che preferisce i suoni, anche nei distorti, più puliti.

  3. Kelli Shanklin dice

    che parla del rapporto tra Mozart e Solieri? Grazie mille! 10 pnt al migliore! E’ x dmn quindi potreste fare veloce? Grazie!
    Amadeus scusate!

  4. Kelli Shanklin dice

    Sapete di che marca è la chitarra usata da Maurizio Solieri nell’interludio da San Siro 03 con Stef Burns?? Vi prego è importantissimo.

    1. Silvio Arancio dice

      Kelly intendi la semiacustica col manico incollato che suona in interludio con Burns? Se è quella è un prodotto di liuteria. Solieri spesso utilizza chitarre di liuteria che si fa realizzare come anche nelle stratocaster utilizza degli assemblati di sua idea ed estro

  5. Lizzie Galatioto dice

    Ciao a tutti, sto cercando una canzone che fa più o meno così…
    io vorrei cantarti la più bella canzone d’amore…per farti innamorare per farti emozionare ancora io vorrei raccontarti la più bella storia d’amore… ma è di maurizio solieri?

    1. Silvio Arancio dice

      Ciao Lizzie la canzone è questa:
      http://www.youtube.com/watch?v=q9x9Qq1ELgk
      La più bella canzone d’amore di: Proce- Solieri

  6. Tia Zuehlke dice

    chi è superiore tra vasco rossi e ligabue?
    premettendo che:
    vasco rossi ha iniziato a fare un certo tipo di rock in italia, si è avvalso dei più grandi musicisti, braido, solieri, ecc.ecc.
    e che con le sue provocazioni ha spalancato portoni per le future band in italia o singoli artisti.
    premettendo che sia vasco che liga alla fine ci regalano grandissime canzoni, e sono quelle che contano alla fine,
    quindi sono due leggende entrambi,
    secondo voi chi è meglio tra i due?
    ligabue secondo me è più completo.
    ottimo regista, (david di donatello, nastro d’oro)
    ottimo scrittore,
    ottimo cantautore.

    è un artista più completo secondo me.
    vasco rossi, campa di rendita.
    non è proprio tutto questo granchè, sia come comunicatore, sia come artista.
    premetto sono due grandi siamo tutti d’accordo,
    secondo me le canzoni di ligabue sono più belle di quelle di vasco.
    secondo voi?

  7. Gloria Hester dice

    Io direi assoultamente Slash, Angus Young, Jimi Hendrix, Stef Burns, Braido e Maurizio Solieri.
    Per quanto riguarda l’assolo ve ne propongo 3
    FreeBird (Lynard Skynard)
    Vivere (Vasco Rossi – Stef Burns)
    Hotel California (Eagles)

    Voi che dite?

    1. Silvio Arancio dice

      Gloria, di assoli ce ne sono un’infinità tutti bellissimi. Personalmente Slash lo considero validissimo anche se a molti non piace … come vedi i gusti sono tanti.
      Angus mette addosso una carica unica…
      Hendrix è stao e rimarrà unico ed innovatore …
      E Eddie Van Halen? Ascoltati l’assolo di Eruption 🙂 Sensazionale!
      Hotel California ormai è un assolo di due chitaristi entrato nella storia della chitarra …

  8. Patty Guest dice

    Io direi assoultamente Slash, Angus Young, Jimi Hendrix, Stef Burns, Braido e Maurizio Solieri.
    Per quanto riguarda l’assolo ve ne propongo 3
    FreeBird (Lynard Skynard)
    Vivere (Vasco Rossi – Stef Burns)
    Hotel California (Eagles)

    Voi che dite?

  9. Louisa Ellman dice

    stef burns, maurizio solieri o max cottafavi?

Rispondi