Secondo Andrew Hesse, un biologo Americano, è possibile “hackerare” i nostri cervelli introducendo virus

0 60

La notizia è incredibile! Andrew Hessel, biologo U.S.A. ha scoperto che con i virus è possibile interagire con i nostri cervelli, che quindi si possono “hackerare”

Andrew Hessel, ricercatore californiano, che lavora presso la Singularity University, campus di ricerca della Nasa fondato nella Silicon Valley ha fatto questa incredibile scoperta.

I virus sintetici introdotti nel nostro corpo, sottoforma di vaccino, possono veramente introdursi nel nostro cervello e influenzarne quindi le azioni.

Secondo Hessel, dopo che il miliardario Craig Venter ha annunciato la creazione di una cellula completamente artificiale,

siamo pronti ad utilizzare il DNA per modificare i comportamenti Umani.

L’aspetto della cosa può comunque destare  delle irritazioni.

Con tutto questo ci rendiamo conto che la “manipolazione” umana potrebbe essere anche vicina.

Lo so, tutto questo può anche avere  dell’incredibile ed essere molto più vicino alla fantascienza che alla scienza reale. Ma, oltre agli aspetti positivi di una scoperta così importante,  possono sorgere, a mio avviso, dei forti dubbi: siamo forse vicini alla fine delle  “forme artistiche”  libere quali l’arte, la musica, ed altre ancora? E poi che fine farà il…libero pensiero?

 Hessel ha dichiarato al Daily Mail:

“Le cellule viventi sono computer e il DNA è il linguaggio di programmazione”.

Quindi ne si può dedurre che secondo Andrew gli scienziati, in un prossimo futuro, potranno elaborare in laboratorio forme di vita sintetica,

anche batteri, capaci di operare come “virus” informatici per influenzare il comportamento di un individuo

proprio come accade adesso con i computer.

Hessel ha inoltre dichiarato:

“È una delle tecnologie più potenti al mondo. La biologia sintetica è la scrittura della vita”.

 E voi cosa ne pensate?

Rispondi