Flop PSY: fischiato alla finale di Coppa Italia

0 135

Flop per PSY alla finale di Coppa Italia: Roma e Lazio uniti dai fischi contro il cantante sudcoreano.

Tutti amano PSY : i bambini, le nonne e i ragazzi di tutto il mondo, ma non i tifosi di Roma e Lazio.

PSY e’ stato accolto dal pubblico dello stadio Olimpico domenica sera, durante la finale di Coppia Italia, con un coro di fischi, di BUUU e petardi.

L’esibizione, avvenuta prima del fischio d’inizo, e’ terminata con il forte imbarazzo del cantate sudcoreano che ha lasciato lo stadio con un risicato “Grazie” e dichiarando che capisce lo Stadio Olimpico “perché è come in Corea”.

Durante lo show il cantante sudcoreano ha presentato «Gangnam Style»,la canzoncina corredata dal simpatico  balletto che l’ha reso celebre in tutto il mondo con 1 miliardo e mezzo di visualizzazione su YouTube e 7 milioni di «mi piace», e il nuovo singolo «Gentleman».

E all’affollata conferenza stampa, Psy ,vero nome Jai-Sang Park, si era presentato vestito in divisa, come un comandante con gradi e mostrine attaccate all’abito blu, perfetto ufficiale e gentiluomo, nonostante sia arrivato domenica mattina da Singapore, dopo 12 ore di volo.

Peccato che il pubblico di tifosi non abbia apprezzato, anzi.

[ad#carbones]

In mattinata, prima dell’esibizione e dell’imbarazzo, aveva dichiarato:

«Capisco il clima, so di cosa si tratta: la stessa cosa succede fra due team in Corea».

E aveva precisato:

«Io devo soltanto far divertire il pubblico prima della partita. Anche gli artisti, come gli atleti devono mostrare il proprio gioco alla gente. In questo non c’è molta differenza fra chi sale sul palco e chi scende in campo. Ma grazie al cielo, noi non abbiamo perdenti e vincenti».

Povero PSY.

E’ andata meglio all’altro ospite speciale, Malika Ayane. Il suo compito era pero’ molto piu’ semplice e di successo assicurato.

La cantante, a cappella, ha intonato l’inno di Mameli, accompagnata dal pubblico e senza contestazioni, davanti alle tante autorita’ presenti in tribuna. Dal  presidente del Senato, Pietro Grasso, che ha premiato la squadra vincitrice, ai ministri Josefa Idem (Sport), Cecile Kyenge (Integrazione), Fabrizio Saccomanni (Economia) e il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, oltre al presidente del Coni, Giovanni Malagò, al segretario generale Roberto Fabbricini, al numero uno della Figc, Giancarlo Abete, al dg della Federcalcio, Antonello Valentini.

Ricordiamo che la finale di Coppa Italia, giocata tra Roma e Lazio, ha visto trionfare e portarsi a casa la coppa, la Lazio che ha superato la Roma grazie al gol di Lulic. Risultato finale Roma 0, Lazio 1.

Qui il video di PSY fischiato durante la finale di Coppa Italia.

http://youtu.be/16UKmtdHx4M

Rispondi