La pensione fa male alla salute

0 94

Secondo una ricerca dell’Institute of Economic Affairs (IEA) di Londra, andare in pensione potrebbe a un declino drastico della salute. La condizione di pensionato non gioverebbe allo stato di salute generale di un individuo da sempre abituato a lavorare e lo porterebbe ad ammalarsi.

La ricerca – sviluppata in collaborazione con l’organizzazione senza fini di lucro Age Endeavour Fellowship – ha messo a confronto persone che si sono ritirate dal mondo del lavoro con persone che invece hanno continuato a lavorare pur avendo superato l’età in cui normalmente si va in pensione. E dai dati raccolti è emerso che chi si è ritirato ha riscontrato un peggioramento della salute fisica e di quella psicologica. E’ stato infatti calcolato che andare in pensione aumenti del 60% il rischio di soffrire di almeno un disturbo fisico (e di conseguenza di dover ricorrere a dei farmaci per curarlo o alleviarne i sintomi) e del 40% quello di cadere in depressione.

E’ da mesi ormai che in Inghilterra si discute su età della pensione e costi della salute pubblica, e i risultati della ricerca hanno acceso ulteriormente il dibattito. Il ritiro dal mondo del lavoro – per lungo tempo fissato a 65 anni per gli uomini e 60 per le donne – adesso non è più obbligatorio raggiunta quell’età. L’età per avere diritto alla pensione si sta innalzando sempre più: ora si accede tra i 61 e i 68 anni d’età e i piani governativi puntano ad arrivare progressivamente ai 68 anni per tutti (tenuto conto per lo più dell’allungamento medio della vita). In Inghilterra gli over 65 che ancora lavorano sono quasi un milione nel primo quadrimestre dell’anno, ma è cresciuto del 30% anche il numero di coloro che sono andati in pensione.

Il rapporto dell’IEA, che appena uscito ha già scatenato molte polemiche, sostiene l’innalzamento dell’età pensionabile, per lo più per motivi di salute. Lavorare più a lungo non sarà solo una necessità economica, ma aiuterà anche le persone a vivere vite più sane, ha dichiarato Philip Booth, direttore dell’Istituto.

Rispondi