Toto-Papa: da Angelo Scola al nigeriano Arinze | CANDIDATI

0 85

Toto-Papa, appena annunciate le  dimissioni da Papa Benedetto XVI si apreono le ipotesi suo prossimi Papa. I candidati a San Pietro.

Benedetto XVI ha appena annunciato i suoi limiti umani, un gesto di tutto rispetto, visto in tutto il Mondo sia con ammirazione  per l’aver riconosciuto i propri limiti, che, come  un possibile momento di indebolimento della chiesa Cattolica in un momento così delicato. Ma soprattutto si è già aperta il Toto-Papa, che, con rispetto dovuto, mette in scena  possibili sviluppi della chiesa Cattolica ed effettivamente, ce ne  potrebbero davvero essere molti in questa rosa di candidati a San Pietro.

Toto-Papa, ricco di nomi e di possibili candidature a guidare il “Gregge” dei Cristiani vede come  accreditato anche l’arcivescovo di Milano Angelo Scola , che per molto versi, è indicato  anzi è un possibile candidato , all’incarico Papale.

Ma la rosa di candidature non è molto ristretta, anzi, a questo Toto-Papa- partecipano  molte eminenze Grigie che  parteciperanno al prossimo conclave ai primi di Marzo 2013.

Il portavoce del Vaticano,  Federico Lombardi, per quanto concerne il Toto-Papa,  spiega  che :

“A quel punto avranno luogo le attività delle congregazioni dei cardinali che si orienteranno sulle elezione fin dall’inizio e, visto che questo comincia dal primo di marzo, e che l’esperienza ci parlava in passato di una elezione nel giro di 15-20 giorni, possiamo prevedere che nel mese di marzo dovremmo avere il nuovo Papa, per Pasqua”.

a seguire l’elenco dei possibili candidati  al Papato, e, come vedete, la rosa dei candidati al Toto-Papa, non è per nulla  limitata, anzi potrebbe aprire nuove strade di Fede anche e soprattutto in America Latina, grande terreno di “cultura”  della religione  Cristiana:

Si va dal Cardinale  di Milano citato sopra ghanese Peter Kodwo Appiah Turkson, al Cardinale austriaco Christoph Schoenborn proseguendo con:

[ad#silvio]

“Il filippino Luis Antonio Tagle, l’americano Timothy Dolan, il brasiliano d’origini tedesche Odilo Pedro Scherer. Vengono attribuite chances anche ai porporati di Curia, il franco canadese Marc Ouellet (prefetto dei Vescovi), l’italiano Gianfranco Ravasi, a capo della Cultura, l’argentino Leonardo Sandri, prefetto delle Chiese orientali,il francese Jean-Louis Tauran (responsabile del dialogo interreligioso), il ghanese Peter Kodwo Appiah Turkson, ministro degli Affari sociali”.

Rispondi