Sisma, terremoto magnitudo 4.5 alle 4.07 tra Veneto e Friuli

0 54

Sisma, terremoto nella notte alle 4.7 di magnitudo 4.5 tra le provincie di Pordenone e Belluno. Epicentro del terremoto è stato a Barcis

Sisma, terremoto nella notte alle 4.7 di magnitudo 4.5. Epicentro a Barcis

Sisma, terremoto nella notte del 9 Giugno 2012 alle 4.7 di magnitudo 4.5 tra le provincie di Pordenone e Belluno. L’ epicentro del terremoto è stato registrato dai sismologi a Barcis.

Il Sisma è stato localizzato dagli strumenti dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia a una profondità di 7,1 chilometri.

La Protezione Civile fa sapere che non si ha notizia di danni né feriti. Il Sisma, con epicentro a Barcis, è stato registrato nella zona delle Prealpi venete ed è stato preceduto da 4 scosse di forza magnitudo 2 nella pianura padana emiliana.

La durata del Sisma è stata breve ma chiaramente avvertita in molte aree del Nord-Est. Molta gente in strada, numerose le chiamate ai vigili del fuoco. La Protezione Civile fa sapere che non si ha notizia di danni né feriti.

Anche nel Bellunese il Sisma ha provocato paura. Decine di telefonate ai centralini dei vigili del fuoco, soprattutto per chiedere informazioni, ma nessun danno di rilievo segnalato.

[ad#Silvio]

Secondo il sismologo dell’Ingv Francesco Mele non c’è alcuna correlazione tra la scossa di terremoto di questa mattina sulle prealpi venete, tra Friuli e Veneto, e la serie di terremoti che per giorni ha messo in ginocchio l’Emilia. 

Non possono essere messe in relazione, le scosse concentrate sulle province di Ferrara e Modena, di cui ha parlato la Commissione grandi rischi, e quella di oggi.

La scossa, di magnitudo 4.5, ha avuto una bassa profondità, circa 7 chilometri, e ha colpito un’area dove abbiamo avuto in passato grandi terremoti:

si ricorda un sisma del decimo grado nel 1873 nel bellunese, e un altro nel 1890 nel Cadore. E’ un’area soggetta a terremoti, quello di oggi non ci sorprende, ha concluso l’esperto.

Dovrebbe, quindi penso  trattasi, probabilmente, dello sviluppo di una nuova Faglia, o della riapertura della vecchia Faglia che portò i terremoti sopra ricordati che, presumibilmente, si sta aprendo o riacutizzando nel Nord-Est. Ma di queste notizie più approfondite non si hanno riscontri.

Per il momento, queste ultime, sono solo delle personali supposizioni del relatore di questo articolo.

Rispondi