Schettino, revocati gli arresti domiciliari.

0 71

Schettino, revocati gli arresti domiciliari, avrà solo l’obbligo di dimora a Meta di Sorrento. Queste le decisioni del gip di Grosseto.

Schettino, ora solo obbligo di dimora

Schettino, tutti voi ricorderete il nome del capitano del Costa Concordia e la triste tragedia dell’isola del giglio. Da allora, da quel triste Venerdì 13 Gennaio 2012, il gip di Grosseto ha in corso un indagine per accertare le responsabilità del comandante Schettino nella tragedia del Costa Concordia.

Ricordiamo che Schettino era agli arresti domiciliari dal 17 Gennaio 2012. Ora, Schettino non sarà più agli arresti domiciliari ma dovrà osservare solo un obbligo di dimora a Meta di Sorrento. Lo ha reso noto il suo difensore, l’avvocato Bruno Leporatti.

Sull’istanza di revoca degli arresti domiciliari, proposta dai difensori di Schettino, il pubblico ministero aveva espresso parere favorevole indicando la sostituzione con la misura dell’obbligo di dimora.

[ad#Silvio]

Lo si legge nell’ordinanza del gip Valeria Montesarchio diffusa dalla difesa del comandante.

Il comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, ricostruendo le fasi della manovra davanti al Giglio, in una memoriale inviato ai suoi difensori, secondo le anticipazioni diffuse da Mediaset che stasera proporrà in esclusiva il documento nella trasmissione su Canale 5 ‘Quinta colonna’ cita così l’accaduto:

In quel momento una mano divina si è sicuramente posata sulla mia testa. Se avessi continuato su quella rotta, avremmo colpito lo scoglio con la prua. Sarebbe stata un’ecatombe.

Schettino aggiunge anche:

C’é chi, a verbale, ha dichiarato che l’impatto con la poppa è stato causato da una mia allucinazione, un’allucinazione che mi avrebbe fatto virare a destra provocando la scodata verso sinistra… Altro che allucinazione! Piuttosto è stato il mio fiuto, il mestiere, il saper riconoscere il mare a farmi fare quella sterzata repentina a dritta.

Attendiamo ulteriori esiti sull’indagine e sulle le responsabilità del comandante Francesco Schettino, nella tragedia del Costa Concordia, che ha causato la morte di 32 passeggeri nella notte del 13 Gennaio 2012.

 

Rispondi