Little Tony, cantante, attore e simbolo di un’epoca, muore a 72 anni

0 131

Antonio Ciacci, in arte Little Tony, si è spento a Roma nella clinica di villa Margherita. Aveva un tumore ai polmoni.

Little Tony in un’immagine d’epoca

È morto Little Tony, interprete di numerosi successi, tra cui “un cuore matto” e “24mila baci”. Ecco tutte le tappe della carriera dell’artista sammarinese

Little Tony era nato in Italia, ma da genitori entrambi di San Marino e per questo ne aveva conservato la cittadinanza per tutta la vita.
Annoverando numerosi musicisti in famiglia (il padre era egli stesso un cantante e fisarmonicista), sin da giovane si getta nell’agone della scena musicale, frequentando i locali da ballo, le balere e le scene dell’avanspettacolo. Viene notato da un impresario inglese, Jack Good, che lo convince ad imbarcarsi in un’avventura oltremanica, assieme ai fratelli, anche loro musicisti.

Nacquero così i “Little Tony and his brothers” (il link porta ad una delle copertine della band).

L’esperienza in Inghilterra lo porterà ad amare il Rock’n’Roll e ad avere i primi successi sulla scena musicale, oltre ad incidere i suoi primi dischi.
Rientrerà, come ormai musicista navigato, in Italia nel 1961 per partecipare al Festival di Sanremo con “24mila baci”, in coppia con Adriano Celentano.
Arriverà secondo, ma sarà il prodromo al suo primo successo discografico italiano, “il ragazzo col ciuffo.

Da qui in poi la carriera di Little Tony sarà costellata da dischi, film, e successi (vi rimandiamo alla relativa voce di wikipedia per la discografia e la filmografia complete), tra i quali ricordiamo grandi classici come “riderà” (che vendette più di un milione di copie), “cuore matto” e tanti altri.

Su youtube è anche possibile visionare qualcuno dei suoi film, ve ne proponiamo uno tra i tanti che lo videro protagonista

Little Tony si è spento così a Roma, a 72 anni, sette anni dopo aver superato un infarto, nel 2006, a seguito del quale aveva comunque ripreso la sua instancabile attività artistica.

Era nato a Tivoli il 9 febbraio del 1941 e la città gli aveva riconosciuto la cittadinanza onoraria il 14 luglio del 2007 durante una toccante cerimonia.

 

Rispondi