Grillo, l’autista e la cognata, un articolo in “pompa magna”, per il quale  i lupi sono corsi, dalle  nevi, in Costa Rica. Commenti

Ormai sia  il movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio, Dario Fo e dovrei aggiungere almeno altri 163 nomi, quali i neo parlamentari appena eletti al Senato e alla Camera, sono sotto torchio e sotto i riflettori della “macchina del fango” che  si sta muovendo, sia da destra che  da sinistra, verso il MoVimento 5 Stelle, Grillo e tutto quello che  può girarci intorno.

Così ecco spuntare articoli come  quello anticipato da un noto settimanale, che  certamente conoscerete, su un articolo con importanti rivelazioni su un giro di affari paralleli di Beppe Grillo, l’autista e la cognata, in Costa Rica. E allora?

Fatemi capire, Beppe Grillo è un valido professionista, un acclamato comico satirico che  in quasi 40 anni di lavoro, avrà messo da parte  un buon guadagno che, giustamente, ha deciso di far fruttare. Aggiungiamoci che, da quello che  si sa, anche  sua  moglie è “benestante” e che,  comunque,  non è illecito avere  o stare per aprire un villaggio, super lusso, in Costa Rica.

E’ un po’ come successe ai tempi, per lo stesso principio di base,  quando c’era Bertinotti  capogruppo di Rifondazione Comunista, al quale veniva rivolta “l’accusa” di portare giacche  di cachemire e di farsi realizzare le scarpe su misura…

Perché avrebbe dovuto, per coerenza come molti dicevano, andare in giro con gli abiti comprati al “mercatino dell’usato”…

Grillo, i lupi in Costa Rica e la risposta dei lettori

L’articolo  “strombazzante” su Grillo cita, tra le  altre cose:

“Almeno una delle società targate Vezzoli-Tadijk ha però in cantiere un progetto ben preciso. Ecofeudo, infatti, è il nome di un resort extra lusso da 30 ettari da costruire sulle colline della baia Papagayo. A giudicare dalle foto pubblicate Ecofeudo non sarà un villaggio popolare”. 

Sotto riporto gli ultimi commenti che  anche  voi potrete leggere sull’articolo  mirato su Grillo e il Costa Rica. Comunque, per obiettività dirò che c’è anche  chi approva ma sono, andate pure a vedere,  una  netta minoranza:

“Non sapendo più che pesci pigliare vi attaccate a ogni cosa pur di cogliere in fallo Grillo. Non sono un suo elettore ma posso dire solo questo: fate pena! I nostri vecchi politici e politicanti si sono arricchiti con i NOSTRI soldi e voi li coprite e siete omertosi sui fatti davvero gravi che coinvolgono PD e PDL, inclusi gli ultimi scandali del Montepaschi. Grillo non ha rubato soldi dalle NOSTRE tasche e ammesso che in quella storiella ci sia del vero, ricordate che un premio Nobel ha dato il suo sostegno al progetto. In ultima analisi, agli italiani dotati di cervello non credo importerà niente del vostro scoop. Siete solo preoccupati che un giorno o l’altro qualcuno vi tagli i fondi che provengono dalle NOSTRE tasche per pagare i VOSTRI stipendi perché sapete bene che se doveste sopravvivere di copie vendute avreste vita breve. Bravi, premi pulitzer del giornalismo da 4 soldi, avete perso almeno un lettore con la vostra iniziativa. 

Dopo aver letto l’articolo la conferma che il problema di voi giornalisti italiani è sempre lo stesso. Siete degli abili manipolatori. L’Espresso fa anche ottime inchieste ma poi alza dei polveroni mediatici come questo (dove alla fine non si sa dovè lo scandalo) per servire i propri padroni. (il PD) Non c’è niente da fare, l’Italia (con unica eccezione il FATTO QUOTIDIANO, che NON ha padroni) ha una stampa asservita da terzo mondo, come ripete ogni anno la graduatoria di Freedom House

Al di là che sia tutto lecito o no,Grillo ne è a conoscenza di sicuro altrimenti bisognerebbe considerarlo uno stupido e non mi pare che lo sia. Società anonime sono il pane di chi non vuole pagare tasse,soprattutto se sono in un paradiso fiscale.In questo è in buona compagnia con tanti di quei politici che vuole mandare a casa. Se fosse tutto vero, dobrebbe andarsene anche lui.

[ad#silvio]

Aiuto!!!… I segugi de “L’Espresso” hanno preso il raffreddore! Che triste tramonto per una testata giornalistica che fino a qualche anno fa sapeva fare VERO giornalismo d’inchiesta . Un consiglio: formate un’ equipe con la D’Urso o con quello dei calzini azzurri di Mesiano, tanto state ormai combattendo la stessa battaglia.

Anche i “diffamatori” giornalisti dell’Espresso sanno che “Societad Anomina” significa società per azioni.. Quello che sottolineano è che per il diritto locali per queste società: Non esiste l’obbligo di notorietà per gli azionisti: “The corporation only recognizes as Shareholders those that have been registered as such in the Shareholders Log Book. Shares can be transferred by simple endorsement and the relevant entry in the Shareholders Log Book. Generally, the identity of subsequent Shareholders does not have to be recorded in the National Registry thus ensuring confidentiality” e peggio che non vengono pagate tasse se l’azienda non presta attività in Costarica: ” A Costa Rican corporation is only taxed on income earned in Costa Rica, foreign source income is not taxed.” E’ questo che ne fa uno dei luoghi geometrici dell’evasione fiscale. Fonte norme diritto societario http://www.costaricalaw.com/ “.