Angela Celentano: una lettera che riaccende le speranze

0 134

Una lettera che arriva direttamente dagli Stati Uniti d’America fa riaccendere le speranze di trovare Angela Celentano viva. La bimba, ora è una ragazza di 21 anni, scomparsa diciassette anni fa sul Monte Faito.

Angela Celentano

Chi è Angela Celentano? Non so se tutti ricordano la vicenda della piccola Angela Celentano, la bambina scomparsa nel 1996 sul Monte Faito all’età di quattro anni. Incredibilmente nel 2013, dopo diciassette anni dalla scomparsa, una lettera proveniente dagli Usa riaccende la speranza della famiglia, che ha sempre tenuto duro, che non hai mollato di cercare e che crede fortemente che Angela sia ancora viva.

L’inaspettata lettera rivolta ai genitori di Angela, Catello e Maria, e il mittente è Salvatore Cioffi, un signore originario di Vico Equense, in provincia di Napoli, ma da 40 anni residente negli Stati Uniti. La missiva, però, non è arrivata direttamente ai genitori di Angela ma è stata inviata alla redazione di PositanoNews.

Di seguito vi riporto il contenuto della lettera:

” Questo messaggio è per i genitori di Angela Celentano. Mi chiamo Salvatore Cioffi, sono di Vico Equense e vivo negli Stati Uniti da circa 40 anni. Ho seguito la storia di Angela dall’inizio ed è sconcertante quello che state passando, sempre con la speranza che Angela possa riapparire da un momento all’altro. Ho seguito la storia del Messico, con pochi risultati, penso che fin dall’inizio, se qualcuno avesse contattato il canale televisivo Univision si sarebbero avuti risultati migliori e la verità sui fatti, se fosse vero che Angela stia lì. Per la Univision lavorano 2 giornaliste molto conosciute in Messico e negli Stati Uniti, conducono investigazioni di alto livello, una si chiama Maria Elena Salinas e l’altra Tersa Rodriguez. Se voi mi autorizzate, io potrei fare tutti gli sforzi necessari e contattare queste 2 giornaliste”.

Bisognerà attendere gli sviluppi della vicenda e incrociare le dita, perché come è solito dire “La speranza è l’ultima a morire”.

Rispondi