41 scosse notturne in Emilia. I morti salgono a 17. PROVVEDIMENTI

0 92

41 scosse notturne in Emilia. I morti salgono a 17 ed oltre 14 mila gli sfollati! Provvedimenti: aumento benzina e rinvio tasse terremotati

41 scosse notturne in Emilia

41 scosse notturne in Emilia Romagna. Il bilancio dei  morti sale a 17, mentre il numero degli sfollati è letteralmente impressionante: oltre 14 mila persone sono al momento senza una dimora e dormono e vivono, in tende appositamente approntate dalla protezione civile.

41 scosse notturne sono state registrate in Emilia Romagna colpita in dieci giorni da due violenti sismi di magnitudo 5.9 e 5.8, che hanno causato un totale di 23 morti. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), delle 41 scosse notturne registrate dalla mezzanotte alle 5:15 di oggi la più forte è stata alle 3:54, con magnitudo 3.4 ed epicentro in prossimità dei comuni modenesi di Camposanto, Cavezzo, Medolla, Mirandola e San Felice sul Panaro e di quello mantovano di San Giovanni del Dosso.

[ad#Silvio]

Giorgio Napolitano ha dichiarato, per la giornata di Lunedì, il Lutto Nazionale.

Per il momento sono stati presi, dal Governo, dei provvedimenti per affrontare la complicata situazione finanziaria che il terremoto ha aperto in Emilia Romagna. Ricordiamo che la Regione ormai è in ginocchio e l’economia, tarderà non poco a riprendersi.

Appunto per questo sono stati attuati dei provvedimenti atti a contenere le spese  dei terremotati. Per loro le tassazioni saranno rimandate e non dovranno, per il momento, sobbarcarsi le varie scadenze e oneri, per tasse e Imu.

Il Governo, da parte sua, per sopperire alle spese straordinarie  che dovrà affrontare ha deciso che aumenterà la benzina.

I Provvedimenti in sintesi:

A copertura degli interventi previsti a seguito del sisma in Emilia è stato deciso l’aumento di 2 centesimi dell’accisa sui carburanti per autotrasporto così come l’utilizzo di fondi resi disponibili dalla spending review.

Il cdm, sull’emergenza terremoto, ha varato un decreto ministeriale di rinvio dei versamenti fiscali e contributi a Settembre.

Il Governo ha previsto, per decreto, la deroga del Patto di stabilità, entro 

Rispondi