4 sub morti a Palinuro nella Grotta del Sangue

0 124

4 sub morti a Palinuro nella Grotta del Sangue. All’inizio si pensava ad un solo morto, poi, purtroppo tutti e 4 i corpi sono stati recuperati

4 sub morti a Palinuro

4 sub morti, tutti romani, compreso un istruttore, si erano immersi all’interno della Grotta del Sangue, a Palinuro  questa mattina. Le ricerche sono scattate poco dopo mezzogiorno in seguito all’allarme lanciato da altri escursionisti preoccupati dal ritardo nella riemersione dei quattro.

I 4 Sub si erano immersi all’interno della grotta questa mattina in un gruppo di otto sommozzatori. Le ricerche sono scattate appunto poco dopo mezzogiorno in seguito appunto all’allarme lanciato da altri escursionisti. Purtroppo, nel corso della giornata il triste bilancio  è andato aggravandosi, dapprima è stato trovato un corpo, poi, sono state intraviste, nel tardo pomeriggio,  le sagome degli altri 3 sub che mancavano all’appello  ma, purtroppo, non vedendoli muoversi, si era già capito che le probabilità di ritrovarli in vita, sarebbero state poche.

[ad#Silvio]

Queste le identità dei 4 sub morti stamattina a palinuro nell’escursione all’interno della Grotta del Sangue.

Andrea Pedroni, romano di 40 anni; il 41enne Douglas Rizzo, romano, Panaghiotis Telios, di 23 anni, di origine greca, residente a Reggio Calabria e Susy Covaccini, di 36 anni, salernitana.
Grotta del Sangue:

A Palinuro è definita anche: la grotta del mistero. La grotta delle forze invisibile. La grotta che esprime la passione intensa del mare, dei suoi flutti, della sua vita.

Situata nei pressi di Cala Lanterna, quella parte di Capo Palinuro che guarda a Sud-Ovest, questa cavità è compresa fra Punta Spartivento e Punta Mammone.

La Grotta del Sangue deve il suo nome all’impressionante colore delle pareti interne, accese da un sorprendente colore rosso che riflettendosi sul mare lo colora di una sfumatura rossastra molto suggestiva. Di particolare interesse all’interno della Grotta del Sangue sono le fromazioni calcaree, tra queste una sorprendente forma simile ad una conchiglia e appena sopra il livello del mare un’altra formazione che ricorda la testa di un coccodrillo.

Rispondi