Festival di Cannes, i vincitori e i look delle premiazioni

0 112

Il Festival di Cannes e’ giunto alla conclusione e la giura ha consegnato i premi. Vediamo a chi.

La 66esima edizione del Festival di Cannes e’ ormai giunta al termine e la giuria, capitanata da Steven Spielger ha consegnato la palma d’oro e gli altri premi. Scopriamo a chi!

Ore 19.00, la madrina del festival, Audrey Taotou, splendente in un vestito rosso con spalline fucsia, da’ il via alla cerimonia di chiusura e alla premiazione.

Entrano Jane Campion e Mads Mikkelsen. Per primi si premiano i corti. Vincitore un corto coreano,  Safe  di  Moon Byung-gonA Touch of  Sin di Jia Zhangke , viene premiato per la miglior sceneggiatura.

Arrivano poi Spielger e gli altri giurati e si procede con le premiazioni vere e proprie.

La palma d’oro si tinge di blu, grazie al titolo internazionale del film vincitore La Vie d’AdèleBlue is the warmest colour. Un trionfo per il capolavoro assoluto del concorso di quest’anno e uno schiaffo a chi pensava che Steven Spielberg non avrebbe premiato una storia gay.

Spielberg, da vero capo, cambia addirittura le regole e la palma vale per tre: viene assegnata al regista Abdellatif Kechiche e pure alle due interpreti, Lea Seydoux e Adele Exarchopoulos.

Ineccepibile anche il Gran Premio della Giuria assegnato al magnifico Inside Llewyn Davis dei fratelli Coen. A ritirare il premio purtroppo  non ci sono  Joel ed Ethan, ma il loro bravissimo protagonista Oscar Isaac.

Il Premio della Giuria viene assegnao ad un film e che non poteva non colpire Spielberg: il toccante Like Father Like Son di Hirokazu Kore-eda.

[ad#carbones]

Sta già facendo molto discutere la Palma al miglior regista, andata ad Amat Escalante per Heli. E in sala stampa ci si chiede perché non Paolo Sorrentino, che torna a casa a mani vuote. La risposta è ovvia: lo stile di Heli e La Grande Bellezza sono davvero agli antipodi. Uno è rigoroso ed asciutto, l’altro abbondante e pieno di orpelli. Uno può preferire o uno o l’altro, insomma. Ma per molti Sorrentino va ad unirsi ai “grandi incompresi”, come l’altr’anno fu per il Leos Carax di Holy Motors.

Miglior attore di questo 66esimo Festival è Bruce Dern perNebraska di Alexander Payne e migliore attrice è Bérénice Bejo per The Post di Asghar Fahradi.

Riepiloghiamo qui i i nomi dei vincitori di questo 66esimo Festival del Cinema di Cannes.

Palma d’Oro al miglior film: La Vie d’Adele – Abdellatif Kechiche
Grand Prix Speciale della Giuria:  Inside Llewyn Davis- Fratelli Coen
Prix d’interprétation féminine (migliore attrice): Bérénice Bejo – The Past
Prix d’interprétation masculine (miglior attore): Bruce Dern – Nebraska
Prix de la mise en scène (miglior regista): Amat Escalante per Heli
Prix du scénario (miglior sceneggiatore): Jia Zhang-ke -A touch of Sin
Premio della giuria: Like father like son – Hirokazu Kore-eda
Camera d’Or (miglior opera prima di tutte le sezioni): Ilo Ilo – Anthony Chen [Quinzaine]
Palma d’oro al miglior cortometraggio: Safe – Moon Byung-gon

E i look dell’ultimo red carpet di Cannes.

Rispondi