La deforestazione riguarda le città. Ecco perché.

0 76

La deforestazione è uno disboscamento scriteriato. Senza alcun criterio di equilibrio verso l’’ecosistema, vengono tagliati ettari di foreste. Questo provoca danni che riguardano anche le città.

La deforestazione è un danno. Mentre il disboscamento vero e proprio taglia piante vecchie  per fare spazio alle nuove, la deforestazione elimina intere aree verdi in tempi non comparabili a quelli della ricrescita. Questo sbilancia l’ecosistema. La foresta regola molti processi, il più importante è il clima, tramite l’effetto serra.  La deforestazione riguarda anche gli abitanti delle città, soggetti alle estati torride dell’effetto serra.

I danni della deforestazione non finiscono qui. I territori deforestati sono soggetti alle intemperie e non più protetti dagli alberi. La desertificazione è una delle conseguenze nelle aree secche. Ma anche l’erosione e le frane, nei territori collinari. I detriti portati nei corsi d’acqua, provocano inquinamento dei fiumi. E comunque viene sottratto un bene comune. In Brasile il problema della deforestazione dell’ Amazzonia deriva per l’80% dall’ allevamento delle mucche nei numerosi ranch circostanti la foresta. Mentre lo stesso settore è responsabile del 14% della deforestazione nel mondo. La popolazione Brasiliana, consapevole della portata globale del problema, sta ora chiedendo una legge Zero Deforestazione. Come già richiesto da un pool di 9 organizzazioni, tra cui Greenpeace, che ipotizzavano come data ultima il 2015.

L’ossigeno nell’aria è prodotto dalle piante. L’anidride carbonica responsabile dell’effetto serra viene sottratta dalle piante. Il terreno dei boschi è protetto dalle intemperie dalle piante. La biodiversità di flora e fauna è garantita dalle piante.  Se tutto questo sparisce, il pianeta collassa. Anche le città con i loro abitanti. L’aria satura di anidride carbonica è irrespirabile e provoca la morte per asfissia. Perciò dovrebbe stare a cuore la deforestazione. Ad ognuno dovrebbe stare a cuore sé stesso, la propria vita e quindi la vita in sé. Che non è altro da noi, la vita siamo noi.

Rispondi