Green Economy, se ne parla a Milano al Solarexpo. Per far ripartire il paese, e non solo.

0 42

Green Economy è il tema della 14° edizione di Solarexpo a Milano. L’evento, terzo al mondo per ordine di rilevanza, è la prima edizione di  The Innovation Cloud , il contenitore di eventi dedicati alle tecnologie energetiche innovative.

green economy

Con lo slogan “Il mondo dell’energia è cambiato” si intende che vi è un nuovo concept multi tecnologico per immaginare, progettare ed attuare uno scenario economico nuovo. Alla sua prima edizione The Innovation Cloud ha già ricevuto il riconoscimento con patrocinio delle maggiori istituzioni, tra cui la Commissione Europea, il Ministero dello Sviluppo economico,  il Ministero dell’Ambiente oltre che numerosissimi partner internazionali.

Green Economy e riparte l’industria

Alla manifestazione parteciperanno 500 imprese innovative e il 22% di player istituzionali da 30 paesi. 60 saranno  gli eventi di market e business intelligence.  La Manifestazione Solarexpo copre vari ambiti tecnologici del fotovoltaico e e del solare e la loro integrazione architettonica. E’ in corso il Global Solar Summit, prima conferenza internazionale, organizzata da Global Solar Alliance, dedicata ai principali fattori di cambiamento dell’industria del fotovoltaico e del solare. Ancora molti convegni  in fiera, dal Social Housing al Green Investor Day, ad Anie Building: le tecnologie dell’edificio intelligente. Venerdi 10 maggio si continuerà a parlare  di World Renewable  Markets, e sarà presentato il progetto per un  Canale TV Green, per la realizzazione di un canale tv nazionale dedicato alle tematiche ambientali. Il programma completo convegni è a disposizione sul sito www.innovationcloud-expo.com dove ci si può preregistrare agli eventi e fissare appuntamenti in fiera.

Vola la Green Economy  al Solarexpo con il progetto Internationalization Hot Spot. Ideato per sostenere la green industry italiana nei nuovi mercati emergenti per le energie rinnovabili. Le imprese avranno la possibilità di confrontarsi anche con rappresentanze diplomatiche e agenzie per il commercio e gli investimenti esteri.

Rispondi