Cohousing possibile a Torino. Come si realizza una scelta abitativa nuova per l’Italia

0 83

CoHousing , l’ abitazione collaborativa, è il core di CoAbitare, l’associazione di promozione sociale di Torino. Il primo progetto attuato di nuovo modello abitativo tra più nuclei familiari, ha tagliato il nastro.

cohousing

Si chiama cohousingumerozero e si trova nel cuore di Porta Palazzo a Torino. L’edificio ha otto appartamenti , per altrettante famiglie socie della cooperativa Numero Zero, una superficie totale di 700mq. Sin dall’acquisto dell’immobile le scelte sono tutte state fatte in partecipazione. A seguire il progetto partecipato, con riunioni settimanali.

Un nuovo modello abitativo sostenibile

I soci sono fortemente motivati. Si tratta infatti di pensare in condominio non più solo alla propria casa. Questo cohousing prevede ampi spazi comuni,  come la terrazza e il cortile, dove poter fare feste o altro. E’ disegnato completamente sulle esigenze dei propri abitanti. Da subito è chiaro che c’è la volontà comune di fare la scelta di un differente modo di abitare, un modello sociale partecipativo e sostenibile.  Quindi vengono effettuate delle analisi e stabilite le linee guida. Il valore sociale ed economico sta nel prevedere attività  aperte all’ esterno, che vadano ad arricchire il quartiere. La scelta della sostenibilità ambientale, che porta al risparmio energetico, alla bio-architettura , all’auto costruzione e all’ auto recupero.  Sono  state  fatte analisi, inoltre, in merito  alla conoscenza geografica e climatica, e della specificità del luogo.

L’esperienza ha messo in luce criticità e step per la realizzazione di un progetto di cohousing. Ed ora diffonde il suo knowhow con una serie di incontri dal titolo Vicini+Vicini. L’aspetto di fondamentale importanza, infatti, ancor prima della progettazione dell’edificio, è la comunicazione interpersonale tra i futuri condomini. Gli incontri saranno mirati a conoscere gli aspetti dell’abitare insieme in modo solidale e sostenibile; condividere le esperienze; i passi per collaborare; ed aspetti da approfondire. Decisamente un progetto win-win.

Rispondi