Rabbia fuori da Montecitorio, tessere Pd bruciate |VIDEO

0 54

Da questa mattina, gli elettori del Partito democratico, stanno portando avanti una protesta contro Franco Marini Presidente della Repubblica bruciando le proprie tessere del partito. In seguito il video:

http://youtu.be/3DnczNySn7Y

Tessere Pd bruciate, protesta fuori da Montecitorio

Gli elettori del Partito democratico già ieri durante e dopo l’assemblea della coalizione di sinistra avevano creato una folla fuori dal teatro dove appunto si svolgeva l’assemblea dalla quale è uscito il nome di Franco Marini in segno di protesta facendo sapere che il Pd perdeva il loro voto in caso di elezione di Marini ed esprimendo la preferenza per Rodotà.

Il motivo di tale comportamento sarebbe che Marini era l’indicato al Quirinale da Silvio Berlusconi, dalla folla infatti partivano slogan come: “Venduti!”, oppure: “Non votatelo!”, fino ad arrivare a: “Non vi votiamo più”.

La situazione è delicata, oggi si è svolta la prima seduta per la scelta del Presidente della Repubblica all’interno di Montecitorio che si è conclusa nel seguente modo: Franco Marini 521 voti; Rodotà 240 voti; Chiamparino 41 voti, Prodi 14 voti; Bonino 13; D’Alema 12 voti; Napolitano 10 voti, Finocchiaro 7 voti; Cancellieri e Monti 2 voti a testa.

Nulla di concluso dunque, per le prime quattro seduto si deve avere la maggioranza qualificata dei 2/3. Si procede infatti con uno scrutinio iniziato alle 15.30.

Rispondi