Statali licenziabili come i dipendenti privati

0 84

Statali licenziabili come i dipendenti privati. Lo conferma il ministro Elsa Fornero e lo ricorda a Patroni Griffi che ha questa delega

Statali licenziabili

Statali licenziabili come i dipendenti privati. Lo dice il ministro Elsa Fornero e lo ricorda a Patroni Griffi che ha questa delega:

Mi auguro che qualcosa di simile a quello che abbiamo fatto per i dipendenti privati sulla possibilità di licenziare sia inserito nella delega per i dipendenti pubblici.

Siamo in contatto, stiamo lavorando insieme. Non vogliamo difformità di trattamento.

Non c’erano ragioni ideologiche per modificare l’articolo 18, ma un’esigenza di ammodernamento nella regolazione dee conflitti tra datore di lavoro e lavoratore.

Statali licenziabili al pari dei dipendenti privati, questo ha ribadito Elsa Fornero, durante l’incontro con gli studenti all’Università di Torino. A proposito delle nuove norme il ministro Elsa Fornero  ha ribadito:

Se fossi un giudice sarei offeso. C’é una sostanziale sfiducia da parte di tutti nel fatto che i giudici siano capaci di fare il proprio lavoro, che vadano avanti per partito preso. Se vogliamo crescere come Paese dobbiamo smetterla con i pregiudizi. Ci sono giudici che sanno fare molto bene il loro lavoro.

[ad#Silvio] 

Statali licenziabili al pari dei dipendenti privati è il primo via libera della Commissione Lavoro del Senato alla riforma del mercato del lavoro.

Entro il 2016 uomini e donne, a parità di incarichi e di ruolo, dovranno avere stesso stipendio.

Il testo, approvato con alcune modifiche, passa da oggi pomeriggio all’esame dell’Aula di Palazzo Madama che dovrebbe licenziarlo entro due settimane per trasmetterlo poi al vaglio di Montecitorio.

Tornano i tagli lineari come copertura del ddl lavoro, e anche la stangata sulla deducibilità dei redditi da affitti, che invece era sembrato che fosse stata attenuata. E’ quanto emerge dalla lettura del testo del ddl sulla riforma del mercato del lavoro giunta oggi in aula del Senato.

 

 

Rispondi