Dalai Lama a Palazzo Marino | Il DISCORSO

0 140

Dalai Lama, la massima autorità religiosa tibetana, a Palazzo Marino. Il suo discorso, nell’Aula del Consiglio Comunale.

Dalai Lama a Palazzo Marino

Dalai Lama, la massima autorità religiosa tibetana, a Palazzo Marino. Il suo discorso nell’Aula del Consiglio Comunale. Il Dalai Lama oggi è a Milano e per primo approccio con la realtà cittadina, dopo le varie polemiche sulla votazione  consiliare di non consegnare al Dalai Lama la cittadinanza onoraria di Milano per via delle pressioni del console cinese a Milano al sindaco Pisapia ed alla successiva votazione, si è recato nel cuore della vita decisionale di Milano ed ha tenuto un bellissimo discorso applauditissimo, di fronte ai consiglieri ed al  sindaco Giuliano Pisapia.

Così riferiscono le fonti ufficiali:

La suprema autorità religiosa tibetana e Premio Nobel per la Pace, il Dalai Lama, è stata accolta dagli applausi delle gente in coda all’ingresso della sede del Comune per vederlo. Presenti anche alcuni militanti del Pdl che hanno manifestato contro il sindaco e la decisione di non concedere la cittadinanza a Tenzin Gyatso.

[ad#Silvio]

Dopo un breve incontro con Pisapia, il Dalai Lama è stato accolto nell’aula del consiglio comunale dove era previsto il suo intervento. Pisapia lo ha salutato parlando della sua presenza come di un dono prezioso e sottolineando come:

Oggi grazie a lei sarà una grande giornata.

Il discorso del Dalai Lama è stato tutto incentrato sui valori della tolleranza, della pace e del rispetto reciproco tra gli uomini e tra le religioni che hanno uguale dignità. Il Nobel Dalai Lama, nel suo intervento ha parlando anche della crisi:

Nei tempi moderni c’è stata eccessiva esagerazione nel dare importanza allo sviluppo materiale, pensandolo come unica garanzia della felicità e del benessere dell’umanità. Questa è una cosa sbagliata.

L’eccessiva fiducia nel materialismo è una cosa sbagliata. Bisogna pensare ugualmente anche ai valori interiori e non vedere solo il buio e l’oscurità, ma occorre vedere la luce della speranza.

Il premio Nobel, in conclusione, ha ringraziato il sindaco per il caloroso benvenuto ed è stato salutato da una standing ovation di tutto il consiglio.

 Il discorso nell’aula del consiglio

 

Rispondi