Camusso Squinzi: il loro giudizio sulla Spending review

0 80

Camusso Squinzi ed il giudizio sulla Spending review: Per la Camusso Sciopero Generale ma non ora.  Giorgio Squinzi, concorda nel giudizio.

Camusso Squinzi e la Spending review

Camusso Squinzi ieri sera, hanno espresso i loro dbbi sulla Spending reyiew, la manovra del governo monti appena approvata e giudicata, da molti partitie da politici appartenenti alla stessa area “bocconiana” come monti, quali Marco Boeri che, intervistato su La7, l’ha come una manovra eseguita con l’accetta.

Susanna Camusso, segretaria Generale Gigl, ieri sera, a Serravalle Pistoiese (Pt), parlando della Spending review, nel corso di un incontro con il leader di Confindustria Giorgio Squinzi, ha dichiarato, a fonti ufficiali, che:

E’ evidente che dobbiamo costruire una proposta generale e su questa basare lo sciopero generale.

Probabilmente non sarà a Luglio.

E la Cgil intende anche ”discutere con Cisl e Uil” per una iniziativa se possibile unitaria. L’oggetto dello sciopero non sarà però solo il provvedimento sulla Spending review, ha spiegato, perché:

C’è bisogno di una risposta che riporti il creare lavoro al centro.

[ad#Silvio]

Da parte sua, Squinzi, il leader di Confindustria, ieri sera ha da parte sua dichiarato che:

Il mio giudizio è ancora sospeso, ma da un governo tecnico mi sarei aspettato cose che non sono state ancora fatte, per esempio sul sostegno alla ricerca. In ogni caso comunque il governo dei tecnici deve essere una parentesi poi bisogna tornare alla politica. 

Rispondendo ad una domanda su un eventuale Monti bis spiega che:

Prende una fisionomia politica non sono contrario altrimenti non vedo futuro. Intanto però dopo aver vissuto 30 anni da cicale, ora cominciamo a pensare da formiche, tanto da non escludere in caso di emergenza anche una patrimoniale che però non dovrebbe toccare le imprese.

Infine una chiosa su Marchionne:

Il suo modello non è il mio, io sono per un modello di relazioni sindacali condivise.

Camusso Squinzi hanno quindi condannato la Spending review aspettandosi invece una manovra più dettagliata e sottile.

Rispondi