Afghanistan, un morto e due feriti per un razzo su base

Afghanistan, un carabiniere è morto e due militari dell’arma feriti, per un razzo lanciato sulla base di addestramento ad Adraskan

Afghanistan, un morto e due feriti

Afghanistan, un carabiniere è morto e due militari dell’arma feriti, per un razzo lanciato sulla base di addestramento ad Adraskan. L’esplosione, causata da un razzo lanciato sulla base dall’esterno, è avvenuta alle 8.50 locali (le 6.20 in Italia) in prossimità di una garitta di osservazione installata a ridosso della linea di tiro del poligono. L’esplosione ha coinvolto 4 militari dell’Arma appartenenti al PSTT (Police Speciality Training Team) uno speciale nucleo addestrativo della polizia afghana. I familiari sono stati informati.

Il carabiniere morto in Afghanistan, si chiamava Manuele Braj, 30enne di Galatina (Lecce), carabiniere scelto effettivo al 13/o Reggimento ‘Friuli-Venezia Giulia’. Manuele Braj lascia la moglie, 28enne, e il figlio di 8 mesi.

Manuele Braj era in Afghanistan dal 7 Maggio scorso.

I due feriti sono:

[ad#Silvio]

il maresciallo capo Dario Cristinelli, 37 anni, di Lovere (Bergamo) e il carabiniere scelto Emilano Asta, 29, di Alcamo (Trapani), effettivi alla seconda Brigata mobile di Livorno e al 7/o Reggimento ‘Trentino Alto Adige’, i due militari rimasti feriti nell’esplosione che é costata la vita al carabiniere scelto Manuele Braj. Sono entrambi ricoverati all’ospedale da campo americano di Shindand per lesioni alle gambe.

Sempre da fonti ufficiali, apprendiamo, in merito all’attentato in Afghanistan che le lesioni alle gambe riportate dai due militari dell’Arma sono gravi, anche se – viene ribadito – non sono in pericolo di vita: entrambi sono stati subito soccorsi e trasportati in elicottero all’ospedale Usa ‘Role 2′ di Shindand. Appena possibile saranno trasferiti. Nella base di Adraskan, la zona dell’esplosione è stata isolata per permettere i rilievi da parte degli artificieri e ricostruire la dinamica.

Non è la prima volta che in Afghanistan il nostro Contingente è vittima di attacchi tramite bombe e purtroppo, non è il primo caso di decessi avvenuto in Afghanistan.

 

Non scordarti, condividi su:

Riguardo Silvio Arancio

"Music to me is... It's the air that I breathe, the blood that pumps through my veins... That keeps me alive.. Without her, i really don't know how/what could I do..." Art Director da parecchi lustri, nutro, oltre alla musica, un particolare interesse per l'Ambiente e i Diritti Umani per i quali ho intrapreso, e sviluppato con buoni risultati, la salvaguardia di alcuni Territori, e, resa possibile in taluni, l'Informazione. Opinionista da sempre credo nel potere e nelle capacità delle parole come miglior metodo di convinzione.