Ray, chi è il ragazzo che ha vissuto 5 anni nella foresta?

0 75

Ray, il ragazzo comparso dal nulla 9 mesi fa dalla foresta dove vi ha vissuto per 5 anni. Ma chi è Ray? Nessuno lo conosce!

Ray, chi è?

Ray, il ragazzo comparso dal nulla 9 mesi fa dalla foresta dove vi ha vissuto per 5 anni, non ha ancora una vera identità. Per ora  è definito il ragazzo della foresta e la polizia, per la prima volta ha diffuso le sue foto nella speranza che qualcuno lo riconosca. E’ davvero strano ma Ray, biondo, alto circa un metro e 80, T-shirt e maglietta, dice di essere nato il 20 giugno del 1994 e di avere trascorso gli ultimi cinque anni nelle foreste insieme al padre, fino alla morte di questi. Agli agenti Ray ha raccontato di non sapere più nulla sulle sue origini.

Ad occhio e croce, da quello che ha potuto valutare la polizia tedesca, Ray potrebbe avrebbe dai  20 ai 22 anni circa, purtroppo però Ray, del suo passato, non ricorda più nulla. Ray ricorda solo che sua madre Doreen, è morta cinque anni fa in un incidente d’auto, quando lui aveva 12 anni, e che da allora avrebbe vissuto con il padre nelle foreste.

[ad#Silvio]

 Solo dopo la morte dell’uomo, che Ray avrebbe seppellito sotto un mucchio di pietre, anche se non ricorda dove, l’adolescente misterioso si sarebbe deciso a tornare nel mondo civilizzato. Ray comunque si è presentato , la prima volta, alla polizia tedesca, nonostante dica di aver vissuto per 5 anni nella foresta,  con capelli, vestiti e unghie pulite.

Il ragazzo parla inglese, senza accento, anche se non sarebbe la sua lingua madre, dicono gli esperti, e in questi mesi ha imparato velocemente il tedesco. La storia di questo ragazzo non convince la polizia, che non ha trovato riscontri sull’incidente mortale della madre, ne’ sul cadavere del padre.

Ray, che oggi vive in un centro per minori, è come un fantasma,  le impronte e il DNA  del ragazzo non hanno riscontro. Ecco perché la polizia tedesca si è decisa a diffondere le sue foto, nella speranza che il ragazzo sia riconosciuto ed identificato.

 

 

Rispondi